Antitrust, Apple è accusata di monopolio della musica online

Autorità e normativeNormativa

Il reclamo sarebbe dovuto al fatto che il produttore di iPod e iTunes si sia rifiutato di supportare il formato rivale di Microsoft Windows Media Audio. Si profila la class action

Dopo le notissime vicissitudini di Microsoft e Google con l’Antitrust Usa, ora tocca a Apple a doversi difendere dall’accusa di di monopolio nel mercato della musica online. Anzi si profila la class action. Lo scorso 31 dicembre è stata depositata una causa antitrust contro Apple perché avrebbe un monopolio illegale nel mercato della musica digitale, e si sarebbe rifiutata di supportare il formato rivale di Microsoft Windows Media Audio. Lo rivela InformationWeek .

La causa è stata depositata da Plaintiff Stacie Somers, rappresentato dagli avvocati Craig Briskin e Steven Skalet of Mehri & Skalet PLLC, Alreen Haeggquist del Haeggquist Law Group, e Helen Zeldes.

Il dominio di Apple nel mercato della musica e dei video online e dei lettori digitali violerebbe lo Sherman Antitrust Act. Il reclamo all’Antitrust afferma che Apple detenga il 75% del mercato video online, l’83% della musica online, il 90% dei player hard drive e il 70% dei lettori Flash.

Già in ambito Ue, negli scorsi mesi, erano girate simili accuse ad Apple, non ancora sfociate in un vero contezioso, soprattutto legate al Drm su iTunes: in Norvegia la q uerelle su Apple FairPlay ha fatto dichiarare iTunes illegittimo nel paese nordico, a meno che Apple non decida di rimuovere il Drm, aprire la licenza di FairPlay in versione open standard, oppure non si appelli in tribunale. Ma il contenzioso Antitrust negli Usa sembrerebbe più insidioso per Apple.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore