Antitrust, Ftc pronta ad avviare indagini su Google

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Tribunale di Varese condanna amministratrice sito per diffamazione: ma il reato è stato commesso da un utente

Google è nel mirino dell’Antitrust Usa. Manca ancora la conferma dell’inchiesta contro Google da parte della Federal Trade Commission (Ftc)

La statunitense Federal Trade Commission (Ftc) sta preparando un’indagine Antitrust sul dominio di Google nel mercato della ricerca online. A riferirlo a Bloomberg sono state tre persone vicine all’antitrust statunitense, fonti che hanno chiesto di rimanere anonime. FTC non avrebbe ancora reso noto l’avvio dell’inchiesta in quanto aspetta il via libera da parte del Dipartimento di Giustizia Usa, in seguito all’approvazione dell’acquisizione di ITA Software. Google ha comprato il sito dei biglietti aerei online per 700 milioni di dollari. FTC ha chiesto ad alcuni colossi hi-tech di rispondere, come in una subpoena, a domande di un’inchiesta civile. Ma ancora si aspettano conferme ufficiali.

Secondo Eleanor Fox, della New York University, “Google potrebbe essere la prossima Microsoft” se sarà confermata l’inchiesta Antitrust Usa. Ricordiamo che l’inchiesta Antitrust UE è già partita, dopo le denunce di dell’inglese Foundem, la francese Ejustice.fr e il servizio Ciao di Bing e della stessa Microsoft. Ma nel caso Antitrust Usa e UE contro Google non sarà possibile fare un parallelo con il caso Microsoft di fine anni ’90, culminato con la multa Antitrust europea del 2004: infatti potrebbe risultare non facile per FTC costruire un impianto d’accusa contro il dominio nel mercato della ricerca di Google, perché, tranne casi specifici sotto indagine (il caso ITA software negli Usa e le denunce di Microsoft nella UE), finora Google ha vinto sul mercato, per via dell’offerta. James Grimmelmann, professore associato di diritto Internet della New York Law School, ha detto che sulla ricerca online Google ha vinto in quanto aveva un algoritmo migliore dei rivali. Gli investigatori federali potrebbero cercare violazioni su come Google abbia usato questo dominio per guadagnare terreno anche nei nuovi mercati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore