L’Antitrust UE potrebbe respingere le proposte di Google

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Antitrust UE contro Google: proposte inaccettabili, stringe il tempo
0 0 Non ci sono commenti

Niente multa per ora, ma il commissario Almunia dell’Antitrust UE considera inaccettabili le proposte di Google per chiudere la controversia in merito all’accusa di abuso di posizione dominante

Il tempo stringe: per ora Google non sarà multata, tuttavia il presidente Joaquin Almunia dell’Antitrust UE considera inaccettabili le proposte di Google per chiudere la controversia. Google deve presentare proposte più convincenti per mettere fine all’abuso di posizione dominante nelle ricerche online: le misure rivelate finora ”non sono accettabili” in quanto ”non riescono a eliminare le nostre preoccupazioni”. Lo ha dichiarato il commissario Ue alla concorrenza Joaquin Almunia in un’intervista a una radio spagnola.

Google non sarà ancora sanzionata, sebbene rischi una multa fino al 10% del fatturato (Google ricava circa 50 miliardi di euro all’anno). Ora tocca a Google porre rimedio, secondo Almunia: ‘‘La palla è nel suo campo anche se resta poco tempo”, quando il tempo sarà scaduto, la palla passerà alla Ue ed ‘‘allora sarà il momento delle decisioni”.

Smentite, dunque, le ipotesi di una fine rapida e postiva per Google nel contenzioso Antitrust che divide il motore di ricerca di Mountain View e l’Unione europea (UE). L’offerta di Google è stata migliorata, secondo il commissario alla concorrenza Joaquin Almunia che aveva accusato Google di ostacolare la competizione nella ricerca online ai concorrenti fra cui Microsoft; tuttavia, gli sforzi non sono affatto sufficienti. Dunque, verso primavera la UE potrebbe riprendere la palla nel caso Antitrust, arivando perfino a multare Google, come in precedenza ha sanzionato Microsoft.

L’accusa è grave e non va sottovalutata: abuso di posizione dominante. Ma una nuova proposta di Google, volta a semplificare , la ricerca online di prodotti concorrenti al motore di ricerca, potrebbe rappresentare la svolta, visto che la UE preferirebbe patteggiare invece di multare. Secondo Almunia “il patteggioamento rimane la strada migliore“. Se Google non trovasse un accordo con l’Antitrust UE, rischierebbe una maxi multa fino a 5 miliardi di dollari, pari al 10% del fatturato.

Antitrust UE contro Google: proposte inaccettabili, stringe il tempo
Antitrust UE contro Google: proposte inaccettabili, stringe il tempo
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore