Antitrust Ue, Mozilla contro Microsoft

Autorità e normativeNormativa

Lo sviluppatore di Firefox sposa la tesi Opera Software e accusa Microsoft di aver tenuto un atteggiamento anti concorrenziale nel mercato browser

Nella seconda guerra dei browser (la prima condusse alla sconfitta di Netscape), la battaglia di Mozilla Firefox contro Microsoft Internet Explorer è stata sempre descritta come l’impari lotta tra Davide contro Golia.

Ma adesso Mozilla ha la possibilità di abbracciare le accuse di Opera Software contro Microsoft, e partecipare al dibattimento presso la Commissione europea, in cui Microsoft siede nella scomoda posizione di “imputato”. Nel nuovo braccio di ferro, in tema Antitrust, che potrebbe vedere di nuovo contrapposte Microsoft e Unione europea, l’oggetto del contendere èInternet Explorer, legato a filo doppio a Windows: secondo Opera Software,per far fuori la concorrenza dei browser rivali. Anche Mozilla, come Opera, considera gravi i danni causati da Microsoft nella competizione nel mercato browser.

La Ue potrebbe decidere di costringe Microsoft, in ambito Ue, a vendere Windows senza Internet Explorer preinstallato.

L’Unione europea sta valutando se obbligare Oem a distribuire anche i browser concorrenti su Windows di Microsoft: gli utenti potrebbero trovare a scaffale Pc con più browser già installati e Microsoft potrebbe essere costretta a disabilitare certo codice non specificato di Internet Explorer, se un utente sceglie un browser rivale. Uno scenario da fantascienza? Vedremo.

Stando ai dati di Net Applications, Firefox 1.0 è stato rilasciato nel 2004 e ha impiegato cinque anni per arrivare al 21,53% di market share nel 2009; nel 2004, invece, Internet Explorer detenena il 91,27% di quote di mercato e oggi, a causa della concorrenza di Firefox, Opera, Apple Safari, Google Chrome, è sceso al 67,55% del market share attuale. L’ardua sentenza… alla Ue.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore