AOC Q3279VWF, lavorare su un grande schermo costa poco

Workspace

AOC arricchisce la Serie 79 dei suoi display e propone risoluzione QHD su una diagonale di 31,5 pollici a un prezzo accessibile

Il lavoro in mobilità, quindi non solo in ufficio ma anche da casa, ha portato il mercato dei pc tradizionali, quelli da scrivania, alla stagnazione, con un intervello di sostituzione dilatato nel tempo e netta preferenza per laptop e 2-in-1.

Anche il mercato dei monitor/display ne ha risentito e tuttavia sappiamo bene che se la potenza di elaborazione di un 2-in-1 è oramai più che sufficiente per qualsiasi task, non è così se si pensa alla diagonale dei display che tra gli 11 e i 14 pollici comunque affatica la vista, specialmente nelle lunghe sessioni di lavoro.

AOC Q3279VWF - Le specifiche tecniche
AOC Q3279VWF – Le specifiche tecniche

AOC arricchisce la Serie 79 ora con il nuovo modello Q3279VWF pensato proprio per chi lavora, in grado di coniugare una diagonale importante con un prezzo ancora sostenibile. Parliamo infatti di un display widescreen con diagonale da 31,5 pollici e risoluzione QHD (2560×1440 pixel) che si propone con un design minimalista ma elegante, per esempio grazie alla base rifinita in argento, che ben si adatta alla scrivania ma anche ad altri ambienti domestici.

AOC Q3279VWF piace anche ai videogiocatori e si propone come schermo ideale anche per il semplice intrattenimento, il pannello MVA ha un tempo di risposta di 5 ms con frequenza di agggiornamento di 60 Hz, intensità colore a 8 bit con Frame Rate Control per la possibilità di percepire oltre un miliardo di colori e l’88 percento di copertura della gamma colori NTSC. Il rapporto di contrasto statico, secondo i dati di targa è di 3000:1. L’angolo di visualizzazione è molto buono, di 178 gradi in orizzontale pur non essendo quello proposto un pannello IPS. 

AOC Q3279VWF
AOC Q3279VWF

Per i giocatori in questo display AOC è previsto il supporto per FreeSync di AMD, così con frame rate della scheda grafica abbinato a quella del monitor, si evitano interruzioni e immagini mosse. E gli utenti non avranno bisogno di attivare V-Sync per adattare l’output dei fotogrammi della GPU alla frequenza di aggiornamento dei monitor, con il relativo ritardo di input. 

A chi lavora invece la tecnologia Flicker-Free assicura un sistema di retroilluminazione Direct Current per migliorare il confort visivo, mentre generalmente i monitor sfruttano la tecnologia PWM (Pulse Width Modulation) per regolare la luminosità ma affaticando gli occhi e generando in alcuni casi fastidiosi sfarfallii. 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore