AOL rivela le ricerche dei navigatori

Autorità e normativeSorveglianza

Polemica per il mancato rispetto della privacy

Sono 600 mila i navigatori le cui informazioni personali sono state rese pubbliche da America On Line. Il grande provider americano ha infatti reso ddiffuso i dati sulle ricerche effettuate da moltissimi suoi clienti, apparentemente per puro spirito accademico, ma forse per assecondare il bisogno di informazioni del governo degli Stati Uniti. Molti di questi utenti hanno però deciso di passare a vie legali, negando il diritto di AOL di detenere senza consenso, e a maggior ragione di pubblicare, le informazioni personali dei suoi clienti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore