Apple delude Wall Street per la prima volta in sei anni

AziendeMarketingMercati e Finanza
Apple colloca l'iBond da record

Nel trimestre sono stati venduti meno iPhone del previsto: 17 milioni contro i 20 milioni stimati. Profitti in crescita, ma sotto le aspettative. Il titolo di Apple perde il 6.3%

L’attesa per iPhone 4S ha depresso le vendite del vecchio modello, ed Apple ha deluso Wall Street per la prima volta in sei anni. I profitti crescono da 4.31 miliardi di dollari, o 4.64 dollari per azione, a 6.62 miliardi di dollari, pari a 7.05 dollari per azion. Ma, per la prima volta in 26 trimestri, Apple perde la bacchetta magica: gli utili sono sotto le previsioni di 7.31 dollari. Apple ha cash per 81.6 miliardi di dollari. La Cina diventa una regione-chiave per Apple, con 4.5 miliardi di dollari di vendite e nuove aperture Apple Store.

Il Back-to-school ha trainato le vendite di Mac al nuovo record di 4.89 milioni di unità, sopra le attese. Sono da record anche le vendite di iPad a quota 11.12 milioni. Ma Amazon sta per lanciare il 15 novembre il Kindle Fire, a metà prezzo rispetto all’iPad, e rappresenta un’incognita: potrebbe essere il primo rivale Android per la tavoletta multitouch di Cupertino.

Apple ha venduto 17.07 milioni di  iPhone, meno dei 20 milioni delle proiezioni degli analisti. La spasmodica attesa per iPhone 4S ha rallentato le vendite di iPhone nel trimestre precedente. Ora iPhone 4S ha venduto 4 milioni di unità in 72 ore, come ultimo omaggio a Steve Jobs. Ormai i ricavi della trimestrale di Apple dipendono per il 39% dalle vendite di iPhone, introdotto nel 2007. Ogni oscillazione di iPhone può mettere in discussione la trimestrale. Il debutto di Galaxy Nexus rimette Android sotto i riflettori (Android è il primo OS al mondo).

Il titolo di Apple perde il 6.3% a 395.50 dollari.

 

Tim Cook, Ceo di Apple
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore