Apple deposita il marchio Podcast

Autorità e normativeNormativa

La mela di Cupertino diffida tutti coloro che utilizzano la parola podcast
sui loro siti Web

Apple ha deciso di inviare una diffida a tutti coloro che utilizzano la parola “podcast” sui loro siti web. Secondo Steve Jobs, Podcast è un marchio Apple e gli utenti in questione dovranno pagare o affrontare le conseguenze delle proprie azioni.Sebbene molti fan di Apple sarebbero disposti a dare del denaro a Steve se glielo chiedesse, la mossa probabilmente irriterà le migliaia di autori di blog che potrebbero anche non aver mai usato un iPod in vita loro. Bit-tech sostiene che la prima ondata di lettere è stata indirizzata ad aziende di alto profilo compresi siti come “Podcast Ready“. Per fortuna Steve non è riuscito a convincere i magistrati che Apple possiede i diritti esclusivi delle parole collegate al termine “pod”. L’ufficio brevetti americano ha stabilito infatti che la parola ipodcast non appartiene a Apple impedendo così a Steve di portare via soldi a un sacco di gente. Ovviamente Apple ha una gran quantità di avvocati e di soldi per perseguire chi utilizza la parola podcast. Quindi chi provasse a combattere la gang di Steve si troverebbe nella condizione di Davide contro Golia. Tutto ciò è straordinariamente simile ai giochetti legali di Intel e Microsoft riguardanti i loro vari marchi, che erano così disprezzati dai sostenitori di Apple. Altre informazioni le trovate sul sito di Bit-tech .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore