Apple e Google, sfida all’asta brevetti di Nortel

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Corte di Giustizia UE: Bocciati equo compenso ed esclusiva a Siae

Da oggi prende il via l’asta brevetti di Nortel: a sfidarsi, fra gli altri, sono Google, Apple, Nokia e Rim

Sarò un’asta con sfida all’ultimo brevetto. Anche Apple ha ottenuto il semaforo verde dal Dipartimento di Giustizia (DoJ) Usa per partecipare all’asta brevetti di Nortel, che prende il via oggi 27 giugno. L’asta parte con una settimana di ritardo a causa dell’interesse suscitato dagli asset di Nortel, finita in bancarotta. Google ha già “messo da parte” 900 milioni di dollari per accaparrarsi una fetta dei 6000 brevetti, che potrebbero essere utili per difendere Android dalle dispute giudiziarie (Android è gi nel mirino di Oracle, che l’accusa di violazione di ben 44 brevetti Java).

I brevetti più ambiti di Nortel messi all’asta riguardano licenze wireless, LTE, networking, ottica, service provider e portafogli di tecnologie di semiconduttori. Dopo il fallimento, di Nortel è stato fatto uno “spezzatino”, acquisito da vari colossi del networking e telefonia mobile. Google vuole acquisire i brevetti per farsene scudo e “disincentivare cause contro la stessa Google“, difendendo le piattaforme open source Android e Chrome.

Secondo l’esperto di brevetti Florian Mueller la sfida fra Apple e Google farà salire i prezzi rispetto alla base d’asta. Ma, al di là della rivalità fra gli ex amici, Apple e Google, non va sottovalutato il ruolo di Nokia e Research In Motion (Rim).

Android domina il mercato smartphone
Android domina il mercato smartphone
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore