Apple, fra iWatch e Yves St Laurent

AziendeMarketing
Microsoft entrerà nella Wearable Tech: lo smartwatch in arrivo

Apple deposita il marchio iWatch in vari Paesi ed assume l’ex Ceo di Yves St Laurent. Assunto Paul Deneve, ex Ad della nota casa di moda Yves St Laurent, per lavorare su “speciali progetti” per il Ceo Tim Cook

Dopo aver depositato in vari Paesi (Russia, Giappone, Messico e Taiwan) il marchio iWatch, l’orologio intelligente di cui si parla da mesi, Apple ha messo a segno un nuovo colpo: ha assunto Paul Deneve, ex Ad della nota casa di moda Yves St Laurent, per lavorare su “speciali progetti” per il Ceo Tim Cook. Deneve però non è a digiuno di hi-tech: il suo è un ritorno a Cupertino, infatti, aveva lavorato per Apple in Europa nel corso degli anni ’90. Lo riporta AppleInsider.

Il Ceo Tim Cook preferisce attingere all’esterno per ricoprire ruoli senior. Deneve non è l’unico manager proveniente dal sistema moda: nel board siede anche Mickey Drexler, chairman e CEO di J Crew Group, e lo stesso Cook è direttore presso Nike. Il Fashion è già nelle corde di Apple.

In vista di iWatch, la carta “moda” potrà giocare un ruolo di primo piano. Con iWatch, infatti, Apple entrerà nel mercato della Wearable technology, la tecnologia che s’indossa, un settore già valutato 6 miliardi di dollari entro il 2016, secondo IMS Research. La società d’analisi Juniper Search prevede 70 milioni di gadget “da indossare” venduti entro il 2017, contro i 15 milioni di quest’anno: da quelli per monitorare il fitness agli smartwatch (a cui stanno lavorando Apple, Samsung, ma anche Google e forse Microsoft). ABI Research stima che 1.2 milioni di smartwatch verranno venduti quest’anno globalmente e genereranno 370 milioni di dollari di fatturato.

Apple deposita in più Paesi il marchio iWatch
Apple deposita in più Paesi il marchio iWatch
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore