Apple impone ad Amazon il pagamento in-app

AziendeMarketing

I diktat di Apple alle librerie digitali di Amazon, Barnes & Noble e Kobo

Amazon, Barnes & Noble e Kobo hanno rimosso dalle apps i link ai loro negozi di libri digitali sul Web. Apple ha imposto anche ad ad Amazon il pagamento in-app e dalle apps per iPhone e iPad è sparita Google Books app, ritirata, per aggiornarsi. L’editto di febbraio ha insomma stabilito che gli ebookstore non possono bypassare l’App Store di Apple. La nuova policy ha imposto di eliminare link esterni e i pagamenti fuori dall’App Store.

Nook consiglia di acquistare i libri di NOOK Book dall’iPhone, aprendo il browser Safari e digitando l’indirizzo di nookbooks.com. Amazon ha portato 100 quotidiani e riviste: “Nel rispetto della nuova policy Apple, abbiamo rimosso il link al Kindle Store presente nella app che apriva Safari e portava al Kindle Store“, spiega il comunicato ufficiale. “Puoi ancora acquistare come hai sempre fatto avviando direttamente Safari e andando su www.amazon.com/kindlestore.Se vuoi puoi mettere l’URL nei preferiti. I tuoi libri Kindle saranno consegnati automaticamente sul tuo iPad, iPhone o iPod Touch, come prima”. Le regole per l’acquisto in-app fissano al 30% la commissione da trattenere su tutte le vendite di prodotti commercializzati attraverso l’App Store.Apple ha eliminato il divieto alla replica, visto che il Financial Times vuole le app anche in Html5.

Anche il Wall Street Journal non è contento di piegarsi ai diktat di Apple, e considera l’imposizione un impoverimento delle scelte dell’utente finale. Apple, dopo aver modificato il suo meccanismo in-app, non vuole tormare sui suoi passi e ritiene che le librerie online debbano adottare il sistema di abbonamento e download dell’ecosistema Apple. Gli eBookstore si piegano, ma i malumori serpeggiano.

The Daily è un abbonamento in-app
The Daily è un abbonamento in-app
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore