Apple investe in Didi, concorrente di Uber in Cina

AziendeMercati e Finanza
Apple investe in Didi, concorrente di Uber in Cina
1 1 Non ci sono commenti

Apple è sotto pressione: deve trovare nuove strade per crescere, mentre rallentano le vendite di iPhone. Investire in Didi, definita la Uber cinese, è un’ottima mossa. Ecco perché

La Cina è il mercato più importante per Apple, insieme agli USA. Non stupisce che l’azienda guidata dal Ceo Tim Cook investa un miliardo di dollari in Didi Chuxing, concorrente cinese di Uber.

Apple è sotto pressione perché non trova nuove strade per crescere, mentre rallentano le vendite di iPhone. L’azienda di noleggio auto con conducente Didi è valutato 26 miliardi di dollari. La piattaforma di ride-sharing gestisce oltre 11 milioni di corse al giorno e serve circa 300 milioni di utenti in Cina. Didi detiene l’87% del mercato di noleggio auto cinese. Con 14 milioni di autisti, è presente in 400 città, mentre Uber fatica a farsi largo nell’ex celeste impero.

Apple investe in Didi, concorrente di Uber in Cina
Apple investe in Didi, concorrente di Uber in Cina

Il Ceo Tim Cook arriva in Cina, per discutere di dossier aperti: in Cina Apple è cresciuta del 70% negli ultimi due anni, ma lì sono stati chiusi i servizi Movies e iBook su iTunes. Sempre a Pechino Apple ha perso l’esclusiva del marchio iPhone: potrà usare il brand anche l’azienda di pellami Xintong Tiandi Technology.

Il mondo dell’automotive è in fermento: FCA ha siglato un accordo con Google per le self-driving cars; General Motors ha comprato Cruise Automation e una quota in Lyft, altro competitor di Uber. Apple ha urgente bisogno di diversificare e l’automotive è un settore promettente: ha già assunto vari esperti del mondo automobilistico, in vista di un’ipotetica Apple car. Intanto, l’azienda di Cupertino valuta di usare gli oltre 200 miliardi di dollari in contanti per esplorare nuovi investimenti.

Didi Chuxing potrebbe aiutare Apple a esplorare migliorare relazioni con il governo cinese. Presidente dell’azienda è Jean Liu, figlia di Liu Chuanzhi, fondatore di Lenovo e con mille agganci politici. Investitori di Didi sono le cinesi Alibaba, il colosso dell’e-commerce, e Tencent, player dei social media.

Didi potrebbe quotarsi in Borsa nel 2017.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore