Apple iPad, le contromosse dei rivali

Management

Alla fine i veli sono stati tolti e Steve Jobs ha annunciato che la novità per il 2010 di Apple si chiama iPad. La validità del prodotto sarà, come al solito, dimostrata dal mercato, ma va detto che il tablet di Apple ha avuto comunque il merito di riportare grande enfasi sul mercato hi-tech e ricompattare gli avversari: prima tutti contro iPhone, ora tutti pronti a sfidare iPad con schermo multi-touch da 10 pollici, compatibile con le applicazioni per iPhone e funzione di hub multimedia (a partire dalla concorrenza a Kindle nel mercato e-book). Microsoft al Ces ha avuto il coraggio di anticipare Apple: con un Tablet Hp con Windows 7. Ma la carica anti iPad sta per scendere in campo: per spartirsi un mercato da 750 milioni di euro (Deloitte)

Apple ha rinnovato il mercato musicale con iPod e il mercato smartphone con iPhone. A sua volta iPod ha ridato le ali ai Mac. I risultati si leggono in una trimestrale da record: 3,36 milioni di Mac in crescita del 33 percento e 8,7 milioni di iPhone

al raddoppio, insieme a 21 milioni di iPod (in calo dell’8 percento) fanno lievitare i profitti di Apple in crescita del 50 percento.

Riuscirà ancora a Steve Jobs la magia il 27 gennaio sul palco dello Yerba Buena Center for the Arts Theater di San Francisco? Riporterà il Tablet al centro del mercato Pc?

iPad con schermo multi-touch da 10 pollici, compatibile con le applicazioni per iPhone e funzione di hub multimedia (a partire dalla concorrenza a Kindle nel mercato e-book) è atteso con grande fervore. Anche gli avversari non stanno a guardare: Tablet tablet tablet per tutti. A partire da Microsoft che, dopo aver svelato il Tablet Hp al Ces, in futuro dirà la sua con Microsoft Courier. E tutti gli altri anti iTablet.

La rincorsa contro Apple, come ai tempi di iPod e iPhone, sta per ricominciare. Nell’arena dei Tablet e degli e-book reader per l’intrattenimento digitale a 360 gradi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore