Apple mette il turbo ai portatili

LaptopMobility

La velocità dei notebook professionali PowerBook Titanium arriva fino a 667 MHz; solo 600 MHz per liBook consumer

Per una volta i rumori e le voci di corridoio, che preconizzavano il rilascio di nuovi modelli di portatili con processori più veloci, ci hanno azzeccato. Una quasi-conferma cera stata nei giorni scorsi, quando i rivenditori hanno visto esaurirsi le scorte di PowerBook nei magazzini centrali Apple, segno questo di un imminente rinnovo di gamma. Oltre al passaggio dalle opzioni con processore G4 400 o 500 MHz a quelle attuali con velocità da 550 e 667 MHz, allammiraglia PowerBook G4 viene aumentata anche la velocità del bus di sistema (133 MHz per la versione a 667 MHz), sostituita la scheda video con una ATI Mobility Radeon AGP 4X e la scheda di rete è ora di tipo Gigabit Ethernet, cosa che fa segnare ad Apple unaltro record. Mai si era vista una scheda di rete così veloce di serie su un portatile. Il modello da 667 MHz ha anche preinstallata una scheda AirPort per collegamenti di rete wireless. È anche possibile avere, al posto del lettore di CD e DVD, un masterizzatore riscrivibile di CD finora il Titanium era lunico prodotto Apple a non disporre di un masterizzatore integrato, se si esclude liMac più economico. I prezzi partono da sei milioni di lire circa (3.118,80 Euro) per il modello a 550 MHz e con 256 Mbyte di memoria RAM, per arrivare fino a 8.964.000 (4.630,80 Euro) per il 667 con 512 Mbyte di RAM e disco da 48 Gbyte. Per quanto riguarda liBook, allattuale modello con processore G3 a 500 MHz e 66 MHz di bus di sistema, se ne affiancherà uno con processore a 600 MHz e bus a 100 MHz. I prezzi partono da 3.599.000 lire (1859 Euro) per la versione a 500 MHz con CD-ROM e arrivano a 4.644.000 lire (2.398,80 Euro) per la versione a 600 MHz con masterizzatore CD-RW e lettore di DVD combinato. Tutti i prezzi si intendono IVA inclusa. Apple sostiene che, in un test realizzato con nove comuni azioni di Photoshop, il PowerBook Titanium G4 a 667 MHz supera del 48% la velocità di un notebook medio con processore Intel Pentium III a 1,13 MHz, intendendo con questo che il megahertz non è più adatto come indicatore della velocità di un computer (per sostenere le sue ragioni, ha anche allestito una sezione del proprio sito chiamata Il mito del Megahertz http://www.apple.com/it/g4/myth/ .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore