Apple si piega al Fisco e paga 318 milioni di euro

Autorità e normativeTassazione
F24 online obbligatorio dal primo ottobre
1 1 Non ci sono commenti

Apple versa al fisco italiano 318 milioni di euro. Storico accordo tra l’Agenzia delle Entrate e i legali di Cupertino

Tra i big IT con significativi contenziosi con il nostro fisco è Apple la prima a piegarsi alle richieste, versando 318 milioni di euro per l’evasione di 880 milioni contestati dalla Procura di Milano per omissione dell’IRES, l’imposta sul reddito delle società in vigore oramai da più di dieci anni in sostituzione dell’IRPEG.

Omissione perché l’azienda di Cupertino, come altri big, fatturava in Irlanda le vendite effettuate sul suolo italiano, secondo la Procura di Milano. L’evasione degli 880 milioni di euro contestati riguarda il periodo tra il 2008 e il 2013. Ora la notizia dell’accordo, diffusa per primo dal quotidiano La Repubblica.

Evento Apple fissato il 9 marzo: arriva Apple Watch?
In un anno Apple dichiarava in Italia ricavi al massimo per 30 milioni di euro

Si parla di lavoro estenuante tra Apple e l’Agenzia delle Entrate per arrivare a un accordo in un certo senso storico, anche per gli oneri finanziari. La cifra versata di 318 milioni di euro sarebbe quanto effettivamente richiesto nei verbali di accertamento. Resta il nostro dubbio relativo alla differenza tra quanto evaso, secondo i magistrati, e la reale cifra versata da Cupertino per arrivare a un’intesa.

Si tratta di un importante precedente perché l’Italia non è l’unico Paese in cui Apple ha pendenze fiscali e ancora di più perché il meccanismo di evasione è sotto l’attenzione dei magistrati anche per altre realtà.

Si tratta, in linguaggio tecnico di esterovestizione, e significa la fittizia localizzazione all’estero, tipicamente in un paese con un regime fiscale più vantaggioso di quello nazionale, della residenza fiscale di una società che ha di fatto la sua attività e persegue il suo oggetto sociale in Italia. A marzo la Procura di Milano aveva inviato avvisi di garanzia a tre manager: il legale rappresentante e AD di Apple Italia Enzo Biagini, il dirigente di Apple Sales International in Irlanda e il direttore finanziario italiano Mauro Cardaio, per i quali la posizione processuale resta immutata.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore