Apple sospende le royalty ai partner Qualcomm

Autorità e normativeAziendeGiustizia
MWC 2017 - Qualcomm Snapdragon 835 per VR e LeapMotion

Apple ha dichiarato, inoltre, che adotterà questa strategia fino a quando la sua controversia con Qualcomm non sarà risolta. Rivisti i risultati trimestrali di Qualcomm

La guerra tra Apple e Qualcomm si arricchisce di un nuovo, preoccupante, tassello. Sebbene Apple avesse già interrotto i pagamenti delle royalty a Qualcomm, oggi arriva un’ulteriore stoccata perchè la casa di Cupertino ha deciso di sospendere anche il pagamento delle royalty ai costruttori partner di Qualcomm, i quali detengono queste royalty proprio in base alle licenze Qualcomm. La società di Cupertino ha dichiarato, inoltre, che adotterà questa strategia fino a quando la sua controversia con Qualcomm non sarà risolta. In sostanza succede questo.

Apple scorporerà dalle royalty che deve alle terze parti la quota che Apple deve a Qualcomm. “Apple sta interferendo in modo improprio negli accordi tradizionali di Qualcomm con i propri licenziatari”, ha dichiarato Don Rosenberg, Executive Vice President and General Counsel di Qualcomm. “Questi accordi di licenza restano validi ed efficaci. Nonostante Apple abbia riconosciuto che il pagamento è dovuto per l’utilizzo della proprietà intellettuale di Qualcomm, l’azienda continua a interferire nei nostri contratti. Contestualmente, Apple ha dichiarato unilateralmente inaccettabili i termini del contratto: gli stessi termini che sono stati applicati a iPhone e iPad con sim integrata per un decennio. La continua interferenza di Apple negli accordi di Qualcomm, di cui Apple non fa parte, è ingiusta e rappresenta l’ultimo passo dell’attacco globale di Apple a Qualcomm. Continueremo a difendere vigorosamente il nostro modello di business e il diritto di proteggere e ricevere un equo compenso per i nostri contributi tecnologici all’industria”.

La rete TOR non basta contro NSA: gli add-ons di terze parti possono tracciare, spiare, trafugare dati

Qualcomm ha già rivisto al ribasso i dati di fatturato, proprio perché si riferiscono alle vendite del trimestre chiuso il 31 marzo 2017, il trimestre caldo per via della situazione “royalty”. Il 28 aprile, intanto, il titolo Qualcomm ha lasciato sul campo un -4,3% in Borsa. Qualcomm continuerà comunque la sua battaglia per via legali.

Era solo la prima decade di aprile quando Qualcomm aveva deciso una controquerela verso la società guidata da Tim Cook. “La controquerela di Qualcomm evidenzia anche come Apple: Ha violato e qualificato in modo inesatto accordi e negoziazioni con Qualcomm; Ha interferito con gli accordi pregressi intrapresi con Qualcomm – titolare di licenza – in merito alla produzione di iPhone e iPad per Apple; Ha incoraggiato attacchi normativi sui business di Qualcomm in numerose giurisdizioni in tutto il mondo riportando fatti in modo errato, oltre a false dichiarazioni; Ha deciso di non sfruttare il massimo delle potenzialità dei chip modem di Qualcomm nel suo iPhone 7, favorendo disparità in termini di prestazioni tra iPhone supportati da modem Qualcomm e da concorrenti; Ha minacciato Qualcomm nel tentativo di impedirgli qualsiasi confronto pubblico circa le superiori prestazioni degli iPhone con chip Qualcomm”, si leggeva in una nota della società.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore