Apps: Kapten per ipovedenti, Google Translate, Confession, Bump, Photoshop Express, Cat Piano, Splice

AccessoriMarketingMobilityWorkspace

Questa settimana parliamo delle Web apps dedicate al mondo Apple App Store per iPhone, iPad e iPod Touch. Applicazioni per editing di foto, per tradurre, per condividere e molto altro ancora

Kapten per ipovedenti: comprende un insieme di funzioni semplici da utilizzare e adattate agli spostamenti quotidiani degli utenti: Navigazione vocale intelligente (navigazione pedonale con o senza trasporti pubblici, stradario, ecc.); Navigazione “libera”: permette agli utenti di ottenere in tempo reale una descrizione dell’ambiente in cui si trovano; Lettura della mappa della città .
Kapten for Smartphone integra una libreria Premium di punti di interesse comprendente migliaia di indirizzi preregistrati (farmacie, commissariati, ospedali, ristoranti, ecc.).  Kapten Mobility Suite è composta dall’applicazione Kapten for Smartphone e da un lettore di libri digitali che supporta lo standard DAISY, accompagnati da un modulo di lettura dello schermo che consente di vocalizzare interamente l’interfaccia utente.
Kapten Mobility Suite permette così agli operatori di proporre soluzioni integrate per gli utenti ipovedenti o non vedent
Google Translate: In grado di tradurre dozzine di frasi sia parlate che scritte, è un’applicazione indeale per chi viaggia molto o per chi ha spesso contatti con persone che parlano lingue diverse dalla propria.
Accetta input vocali in 15 lingue diverse e traduce frasi pronte in 50 idiomi. In più, potrete sentirgli pronunciare le frasi tradotte in 23 lingue grazie allo stesso sintetizzatore vocale dell’applicazione per desktop.

Confession: L’applicazione si chiama “Confession”, anche se il nome originale era più carino: “A priest in your pocket” (Un prete in tasca), costa 1.99 dollari, è compatibile con iPhone, iPod e iPad ed è stata sviluppata con la consulenza del direttore esecutivo del Segretariato per la dottrina e la pratica pastorale della Conferenza Episcopale statunitense. Non è approvata dal Vaticano.

Bump: una delle applicazioni più usate, può già condividere foto, contatti, appuntamenti sul calendario e anche musica. Adesso, con l’aggiornamento 2.4, potrete usare Bump per iPhone per inviare ad altri utenti una lista di applicazioni che raccomandate.
Non è la lista di tutte le applicazioni che avete installato, per fortuna. Siete voi a scegliere l’applicazione che volete inviare tramite questo divertente metodo di condivisione.

Photoshop Express: mettersi ad editare foto sull’iPhone è la versione dell’app gratuita Photoshop Express per iPhone, supporta il display retina e il multitasking, permettendo di scattare foto direttamente da dentro l’app.

Cat Piano: L’app vi trasforma in artisti di talento.

Splice: Invece di pagare per iMovie di Apple per il vostro iPhone, Splice è un’alternativa di video editor che potete usare gratuitamente. Ha molte delle funzioni che trovate su iMovie, tranne il costo.
Splice permette di tagliare, editare, ritagliare i vostri video su iPhone o dispositivi con iOS. Potete scegliere effetti di transizione, selezionare la musica di sottofondo (trovate due tracce gratuite già integrate in Splice, ma potete scaricare le altre dall’app stessa) scegliendola anche dalla vostra libreria personale.

Photoshop su iPhone
Photoshop su iPhone
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore