Apre Security Conference 2006

CyberwarSicurezza

Al via l’appuntamento italiano dedicato al mondo della sicurezza informatica, organizzato da Idc

Security Conference 2006 si tiene a Milano, presso il Milan Marriott Hotel, nei giorni 21 e 22 febbraio. L’apertura dei lavori della Security Conference ( www.idc.com/italy ), l’appuntamento italiano dedicato al mondo della sicurezza informatica, organizzato da IDC, ha l’obiettivo di offrire un’importante occasione di incontro e di confronto sulle esigenze e le dinamiche di questo mercato in Italia e in Europa. Incremento dell’efficienza, contenimento dei costi, differenziazione dell’offerta e ottimizzazione delle infrastrutture sono gli elementi fondamentali che le organizzazioni – imprese, istituti finanziari, pubblica amministrazione ? utilizzano per aumentare la propria competitività e soddisfare le esigenze del mercato. Le tecnologie dell’informazione rappresentano oggi lo strumento che consente di raggiungere questi obiettivi e realizzare un percorso evolutivo caratterizzato da interattività, multicanalità, integrazione e continuità. Idc, in occasione di Security conference, indaga sul ruolo della sicurezza in questo scenario, con quali tecnologie e processi sia possibile vincere questa sfida. “La sicurezza è un elemento fondamentale nello sviluppo dell’IT e dei servizi online. L’IT Security è da intendersi non più soltanto come difesa ma sempre più come controllo dei processi e delle attività interne all’organizzazione e sensibili per il business”, ha commentato Roberto Mastropasqua, Research Director Telecom, Internet e Media, IDC Italia, che interverrà all’evento milanese. “E’ inoltre fondamentale ripensare la sicurezza, allargandone il campo d’azione, attribuendole nuovi obiettivi e quindi una valenza maggiore, ma soprattutto facendone una componente indispensabile della nostra vita, aziendale e privata”. La Security Conference 2006 offre l’occasione per presentare i risultati dell’indagine IDC condotta negli ultimi mesi del 2005 sullo stato del mercato della sicurezza IT in Italia, gli scenari emergenti e l’evoluzione della domanda e dell’offerta attraverso una visione integrata dei fattori di business e normativi che stanno influenzando le scelte e gli investimenti delle aziende in tecnologie per la sicurezza. Autorevoli analisti IDC, fornitori di tecnologie del mercato ed esperti di sicurezza italiani e internazionali condivideranno con i partecipanti le esperienze maturate nel settore per delineare le potenzialità di una gestione ottimale della sicurezza quale leva strategica per incrementare il vantaggio competitivo, da concepire non più solo come fatto tecnologico, ma quale priorità irrinunciabile e pervasiva. Anche quest’anno, la Security Conference ospita i guru a livello mondiale quali Ian Angell, Professor of Information Systems, Member of the Advisory Board, London School of Economics, che approfondirà il tema della sicurezza dei sistemi informativ i, le cause più frequenti di minacce alla sicurezza aziendale e presenterà tecniche concrete e implementabili per aiutare le aziende a rinforzare le proprie difese. Nel corso dell’evento viene inoltre dedicata un’analisi approfondita alla figura aziendale dell’Information Security Manager. Ampio spazio è dedicato ai casi studio, attraverso esperienze e progetti di successo già realizzati in differenti settori, da quello bancario, con interventi di Banca Intesa, Banca Popolare di Sondrio, Consorzio Operativo Gruppo MPS e Gruppo UniCredit a quello della Pubblica Amministrazione, con la presentazione del Consigliere del Ministro delle Comunicazioni. Intervengono inoltre come testimonial rappresentanti di Avis Autonoleggio, Nasa, Radio 105 Network e Università di Milano. L’evento si concluderà domani con un’analisi delle strategie per la sicurezza globale e la salvaguardia delle libertà individuali. Questa sessione finale vedrà la partecipazione di Edward N. Luttwak, Senior Adviser, Center for Strategic and International Studies, Mark Leonard, Direttore della sezione di Politica estera del Think Thank Center for European Reform e Andrea Margelletti, Presidente del CeSI ? Centro Studi Internazionali, che evidenzieranno i nuovi equilibri e/o le nuove egemonie che si stanno stabilendo tra i Paesi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore