Argo Software risponde all’Antitrust: Dimostreremo nostra correttezza

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
Antitrust UE a Google: proposta migliorata. Fine del contenzioso in primavera?
1 0 Non ci sono commenti

Argo Software ha cooperato nel corso delle verifiche utili per l’avvio del procedimento istruttorio con l’Antitrust italiano (Agcm). E ribadisce la propria professionalità e correttezza

Argo Software, a cui è stato notificato un provvedimento emesso dall’Autorità Garante delle Concorrenza e del Mercato (AGCM) nella riunione del 9 aprile scorso, spiega che è stata avviata un’istruttoria finalizzata a verificare l’esistenza di una possibile intesa restrittiva della concorrenza con la società Axios Italia Service. Tutte le verifiche utili per l’avvio del dovuto procedimento istruttorio sono state svolte dai funzionari dell’Antitrust italiano, con la cooperazione dei dirigenti dell’azienda.
Argo – precisa l’azienda in una nota – ritiene che gli elementi raccolti dimostreranno, senza riserva alcuna, la professionalità, la correttezza e il rispetto dell’Azienda nei confronti di tutti i concorrenti, nessuno escluso“.

L’istruttoria aperta dall’Antitrust italiano (Agcm) sul registro elettronico scolastico è un procedimento la cui data di conclusione è fissata per il 30 aprile 2015. Argo afferma di aver sempre dimostrato “professionalità e correttezza” nei confronti di “migliaia di scuole clienti e (…) loro Dirigenti, che da oltre venti anni, grazie unicamente alla qualità dei prodotti e dei servizi, continuano a manifestare fiducia e stima verso questa Azienda, determinandone la sua affermazione“.
Infine “Argo si riserva, all’esito dell’istruttoria dell’AGCM, di valutare ogni più opportuna azione a tutela dell’immagine e del buon nome dell’Azienda“.

L’istruttoria è stata avviata in seguito alla segnalazione ricevuta dalla Casa Editrice Roberto Spaggiari Spa, che ha puntato il dito contro Argo e Axios, accusate di aver complicato, fino a cancellare, l’interoperabilità tra i loro software gestionali e i registri elettronici dei concorrenti. Tutto ciò risalirebbe alla vigilia dell’introduzione obbligatoria nelle scuole del registro di classe e delle comunicazioni scuola-famiglia in formato elettronico (anno scolastico 2012-2013). Ma Argo nega gli addebiti e sta cooperando con l’Authority, per essere scagionata dalle pesanti accuse. E mette l’accetto su correttezza e professionalità.

Registro elettronico scolastico, Argo Software risponde all'Antitrust, per dimostrare propria professionalità e correttezza
Registro elettronico scolastico, Argo Software risponde all’Antitrust, per dimostrare propria professionalità e correttezza
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore