Arriva lera del contenuto On Demand

Network

Forrester Research segnala una tendenza che potrebbe cambiare il mondo

Per le aziende che producono media (etichette discografiche, televisioni, cinema e stampa) potrebbe essere giunta lultima ora. Secondo lanalista di Forrester, Eric Sheirer, specializzato nel campo dellentertainment, larrivo di sistemi di selezione dei contenuti sta lentamente togliendo forza ai grandi distributori di contenuti. I sistemi di selezione dei contenuti hanno nomi diversi, molti dei quali celebri Napster, Gnutella, TiVo, Amazon, ecc. sono solo alcuni dei sistemi che rimettono nelle mani degli utenti la libertà di avere dei gusti personali, non massificati. La forza di chi distribuisce media fino ad ora è stata quella di poter controllare i gusti del pubblico. Questo controllo ha permesso di fare i grandi numeri su un solo disco, o su un solo film. Senza questo controllo il pubblico si disperderebbe tra migliaia di canzoni diverse, tra centinaia di libri o decine di film. Lascolto di massa scompare, e scompaiono i grandi guadagni dei distributori. Secondo Sheirer linteresse del pubblico per Napster non sta tanto nella sua gratuità, quanto nel suo essere un juke-box infinito col quale ascoltare in qualsiasi momento la musica che si desidera. Questo potere di scelta rende obsoleto il ruolo delle etichette discografiche di selezionare arbitrariamente dei pezzi e confezionarli in un album. Lalbum se lo fa lutente. E la sconfitta di Napster ha solo dato il via a decine di cloni illegali, impossibili da fermare. Secondo Sheirer i produttori di contenuti dovranno presto rivedere interamente le proprie strutture e dimenticarsi di imporre dei prodotti, dovendo invece imparare a soddisfare le molteplici e illimitate richieste del pubblico. E ironico pensare che questo li trasformerà a loro volta in cloni di Napster.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore