Arriva Routerhino, il router per far navigare i bambini in sicurezza

AccessoriNetworkSicurezzaSoluzioni per la sicurezzaWorkspace

Microsoft Italia ha inserito Routerhino all’interno della Digital Class della Microsoft House, un ambiente educativo multimediale concepito per avvicinare i ragazzi alle più moderne tecnologie nel modo più sicuro

Immaginate un router intelligente, basato sulle tecnologie cloud di Microsoft Azure, ma anche facilissimo da utilizzare e ideato con l’unico obiettivo di assicurare una navigazione sicura ai bambini, lasciando tranquilli i genitori. Si chiama Routerhino, è stato creato da una startup italiana – Cfbox – e serve proprio per proteggere la navigazione dei minori in ambiente domestico, quindi in grado di agire oltre la semplice protezione del dispositivo.

Routerhino

Lo scenario, secondo un’indagine di EU Kids Online, realizzata con l’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con il MIUR e presentata nel gennaio 2018, non è dei più rassicuranti: in 7 anni è raddoppiato il numero di minori che ha avuto esperienze negative in rete e la casa resta il principale luogo di accesso a Internet considerato che l’88 percento dei ragazzi italiani, nella fascia dai 9 ai 17 anni, ne fa uso quotidiano tra le mura domestiche e i bambini di 9-10 anni passano in rete una media di un’ora e mezza al giorno con addirittura il 10 percento che ha già un profilo attivo su un social network!

Quest’ultimo è in effetti il dato più scandaloso, e da qui si dovrebbe partire per comprendere che la causa prima dei guai dei figli è proprio la mancata sorveglianza dei genitori. Ma entriamo nei dettagli della proposta.

Routerhino – La consolle di Controllo

Routerhino funziona proprio come un filtro su siti, motori di ricerca, social network, chat e applicazioni, e permette a seconda delle impostazioni l’accesso o meno ai contenuti escludendo per esempio quelli pornografici, violenti, o quelli in cui si rinvengono atteggiamenti inneggianti all’odio o di bullismo. Un filtro che si auto aggiorna autonomamente sulla base dei dati della cloud di Microsoft e che prevede dieci grandi categorie, che a loro volta ospitano in tutto più di 80 sottocategorie. La severità dei filtri può essere modificata dal genitore anche durante la navigazione tramite l’accesso al pannello di gestione.

Routerhino funziona collegato al modem già a disposizione a casa, tramite il cavo di rete, genera una nuova rete WiFi protetta e parallela  che esclude i contenuti sopra citati da Google, Bing ma anche da YouTube, dai social e dalle chat.  Il dispositivo, creando una nuova rete Wi-Fi, agisce quindi bloccando l’accesso a siti dai contenuti pericolosi come pornografia, violenza, social network, chat, motori di ricerca o e-commerce, filtrando anche i risultati delle singole ricerche sui principali motori di ricerca: Google, Bing e YouTube.

Paola Cavallero, Direttore Marketing & Operations di Microsoft Italia

Chi si collega per la prima volta alla Rhino-Wi-Fi, utilizzando la password fornita, viene reindirizzato ad un veloce modulo di registrazione. Dopo l’attivazione, tutti i dispositivi connessi alla Rhino-Wi-Fi sono immediatamente protetti.

Il genitore può intervenire in qualsiasi momento e in modo autonomo, anche da remoto, per sbloccare singole categorie o funzionalità aggiuntive dall’apposito pannello di controllo Web. E con gli ultimi aggiornamenti sono state introdotte al pannello di controllo due nuove opzioni, tanto desiderate dai genitori e cioè la possibilità di fissare due fasce orarie (Notte e Compiti) per bloccare del tutto l’accesso a Internet ai bambini.

Microsoft ha “adottato il dispositivo e lo ospita nella Digital Class della sua Microsoft House. Spiega Paola Cavallero, direttore Marketing & Operations di Microsoft Italia: “Viviamo in un momento storico in cui cyberbullismo e pedopornografia hanno raggiunto livelli senza precedenti. È essenziale quindi puntare sulla cybersecurity, consentendo ai bambini di vivere le prime esperienze digitali in totale sicurezza e di coglierne tutte le opportunità, sia attraverso un’opportuna cultura digitale, sia attraverso strumenti tecnologici ad hoc. Siamo entusiasti di poter avere Routerhino anche all’interno della Microsoft House ed in particolare nella Digital Class, frequentata da migliaia di studenti provenienti da tutta Italia”. 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore