Assintel: Bilancio in chiaroscuro per il mercato del lavoro ICT

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Confprofessioni commenta il DDL delega sul Lavoro

Dall’Osservatorio Competenze ICT 2012: il mercato del lavoro ICT è in rosso, ma il digitale apre spiragli. I dati di Assintel in un anno di crisi conclamata

Il mercato del lavoro ICT è stato messo al microscopio da Assintel. Dall’Osservatorio Competenze ICT 2012 emerge che il mercato del lavoro ICT è in rosso, ma le trasformazioni legate al digitale aprono spiragli. Assintel archivia il 2012 registrando meno posti fissi e un incremento degli atipici (25%); inoltre scende il potere d’acquisto (-2,8%), mentre le tariffe ICT rimangono al palo (-1,5%). Tuttavia, Assintel esprume un cauto ottimismo legato al digitale: nella “Nuova IT” legata al digitale, se da un lato mancano investimenti in ricerca e sviluppo (40%) e competenze adeguate (27%), risultano buone prospettive per le aree dei Social Network, del Cloud e del Mobile.
I giovani laureati nell’area ICT denunciano però una penalizzazione nelle retribuzioni di ingresso (-5,2%) ma poi recuperano (+3,1%) rispetto agli altri settori.

Assintel. mettendo sotto la lente talenti, retribuzioni e politiche del lavoro nelle aziende, fa un bilancio in chiaroscuro. Il quadro è quello di una crisi economica conclamata, in cui le 132.000 imprese dell’Information & Communication Technology (ICT) sono costrette a fare  i conti con un mercato “rattrappito” e tariffe al ribasso, ma per fortuna si approcciano anche con le nuove promettenti frontiere legate all’economia del digitale.

Sul fronte dei numeri è calma piatta. I 612.000 addetti contati al primo semestre 2012 sono in stallo rispetto al 2011, e si osserva un  passaggio importante dalle posizioni di lavoro dipendente a quelle atipiche, ormai un quarto del totale, soprattutto nel mercato Servizi IT, Software e nel Canale. Le retribuzioni nell’ICT registrano incrementi inferiori all’inflazione: nei primi 6 mesi dell’anno cala del -2,8% il potere d’acquisto di un impiegato ICT rispetto all’inflazione ad alta frequenza. Sul versante delle tariffe professionali, la tendenza ha un saldo negativo ormai da un decennio, ma si segnala un leggero rallentamento dell’arretramento: le tariffe 2012 calano in media “solo” del -1,5%, contro il -2,6% dello scorso anno.

“In questo ciclo economico insistentemente negativo, la nostra maggior preoccupazione è il progressivo depauperamento di ciò che è più prezioso per le aziende ICT: i talenti e la capacità innovativa. Il contesto politico-normativo non sembra però rispondere efficacemente al nostro allarme, mediamente inefficace nel rilanciare il mercato, e ancor di più nell’agevolare e sostenere imprese ed imprenditori. Assintel si pone in questo contesto come piattaforma in cui riunire le forze rappresentative del settore per essere punto di riferimento per un contratto di categoria e per gli sviluppi concreti dell’Agenda Digitale” ha commentato Giorgio Rapari, Presidente di Assintel. Partner di Assintel, sono Fondazione Politecnico di Milano, IDC, GiGroup e OD&M, AICA, itSMF, IWA, con il patrocinio della Camera di Commercio di Milano.

Assintel analizza il mercato del lavoro ICT @ shutterstock
Assintel analizza il mercato del lavoro ICT


Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore