Asus Padfone 2, smartphone e tablet tutto in uno

MobilityWorkspace
Asus Padfone 2, l'ibrido smartphone / tablet Android

SLIDESHOW e PRIME IMPRESSIONI E’ disponibile da novembre in Italia Padfone 2 con il supporto LTE. Smartphone più tablet Station insieme costano 900 euro. La dotazione hardware rappresenta il meglio di quanto offre attualmente il mercato

E’ la prima volta che Asus sceglie il palcoscenico italiano per presentare un proprio prodotto in anteprima mondiale e Padfone 2, oggi a Milano, è quasi un omaggio al buon successo che ha avuto qui nel nostro Paese la prima versione del Padfone, che abbiamo visto a Barcellona quest’anno e che ora viene superata da questa seconda release carica di novità da record e perfezionata a dovere.

Padfone 2 ha un unico cuore pulsante che è lo smartphone. Infatti la parte tablet (si chiama Padfone 2 Station, con la diagonale del display da 10 pollici) non può funzionare quando lo smartphone non è inserito. E tutto quello che serve per far funzionare il tablet sono le risorse hardware e software dello smartphone.

Asus ha del tutto reingegnerizzato il sistema per cui basta inserire nei binari dello chassis di Padfone2 Station lo smartphone per collegare in tempo reale lo smartphone Padfone 2 e ritrovarsi con un tablet in mano, senza dover aprire sportelli o aspettare anche un solo secondo, grazie alla tecnologia Asus DynamicDisplay che ottimizza la visualizzazione in tempo reale.

L’accoppiata poi è leggerissima, per un peso complessivo di appena 650 grammi. E’ lo smartphone, che lavora su piattaforma Android 4.0.4 a vantare delle caratteristiche da record in ogni comparto (anche se l’update a Jelly Bean sarà disponibile più avanti).

Le ha presentate Jonney Shih, il chairman di Asus, in persona:

Jonney Shih, chairman Asus
Jonney Shih, chairman Asus

Padfone 2 ha il display da 4,7 pollici di diagonale con risoluzione 1,280×720 (pannello super IPS e vetro Corning Fit), lo smartphone pesa 135 grammi e ha uno spessore di soli 9 mm. Se si utilizzano Padfone 2 e Station insieme si raggiunge l’autonomia da record complessiva di 36 ore. Mentre lo smartphone da solo consente comunque di arrivare fino a 16 ore di conversazione.

Nel nostro slideshow mostriamo in dettaglio l’autonomia per ogni utilizzo. Il processore è tra i più potenti in circolazione e si tratta di Qualcomm SnapDragon S4, un quad-core con 1,5 GHz di frequenza di clock. Stupiscono anche i 2 Gbyte di Ram, lo storage da 32 o 64 Gbyte (in Italia arriverà inizialmente solo questa seconda versione) con l’offerta di 50 Gbyte sulla cloud di Asus gratuiti per due anni, la fotocamera da 13 Megapixel con una modalità di scatto Burst che permette di catturare fino a 100 foto con uno shooting di sei scatti al secondo, oppure girare un video Hd a 1.080p a 30 fps, oppure in modalità 720p Hd a 60 fps.

Particolarmente curato anche il comparto audio con un’ottima resa di alti e bassi (in presentazione live). Ma Padfone non sarebbe uno smartphone da record senza un sistema di connettività all’altezza: sono supportati LTE a 100 Mbps, ovviamente DC-Hspa+ (42 Mbps), ma anche le funzionalità NFC. Il dispositivo si collega alle reti WiFi n e supporta Bluetooth 4.0. L’interfaccia di collegamento con le periferiche è di tipo proprietario a 13 pin: sono supportati da questo sistema le connessioni micro USB 2.0 e MHDL, per le connessioni Hdmi. In pratica con un’unica presa è possibile collegare semplicemente lo smartphone per la ricarica, come si è abituati a fare da sempre, oppure con l’apposito cavo veicolare anche il segnale audio e video.

Spiega Alessandro Salsi, country product manager di AsusTek Italia: “Padfone 2 verrà venduto non solo presso gli Asus Point e le Telco (come accadde a Padfone), ma anche nelle catene della grande distribuzione. Asus ha deciso di non offrire in bundle la tastiera, ma per 899 euro (un prezzo inferiore a quello dell’iPhone) il cliente acquista Padfone2, Padfone 2 Station e ha diritto ai 50 Gbyte di WebStorage. E’ nell’ordine della decina di migliaia di unità il successo italiano di Padfone, e per questa seconda release ci attendiamo un risultato ancora migliore. Abbiamo formulato la proposta commerciale senza la tastiera, convinti che la direzione giusta per ora sia la proposta solo touch, vedremo più avanti”.

Prime impressioni

Il device è estremamente reattivo, con la migliore dotazione hardware disponibile in tutti i comparti, e anche un’autonomia da record. E’ bene sottolineare che in pratica si acquista un super smartphone con un sistema ben pensato per avere una visuale comoda e rilassante data dalla tavoletta. La Station però senza Padfone2 non serve a nulla. Per questo non ha stupito Jonney Shish quando al prezzo di 900 euro confermava che veniva offerta anche la parte tablet. Chi sceglie questa soluzione sceglie quindi un sistema completo. Molto bene i vari comparti multimediali: foto, audio e video. Bene la presenza della connettività con LTE che aspettiamo di mettere alla prova in Italia. Lo smartphone convince, il sistema nel complesso ci convince meno, ma come modello di utilizzo. Rispetto alla prima versione, la possibilità di estrarre il telefono senza dover aprire nessun cassetto è però davvero un buon passo in avanti.

Padfone 2 le specifiche tecniche

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore