Atos Origin ai Giochi Olimpici

CyberwarSicurezza

L’azienda completa l’ultima prova tecnica in vista di Torino 2006

Atos Origin, Partner IT mondiale dei Giochi Olimpici, ha annunciato oggi di aver completato con successo la seconda e ultima serie di prove tecniche per i Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006. La simulazione ha creato 500 diversi tipi di scenari che potrebbero verificarsi durante i tre giorni più impegnativi dei Giochi: malfunzionamenti dell’hardware, aspetti critici della sicurezza, mancanza di personale, riprogrammazione delle competizioni eccetera. La fase finale del test è un passo fondamentale per la preparazione dei Giochi ed è destinata ad assicurare che lo staff, la tecnologia e le procedure funzionino al 100% prima del 10 febbraio 2006, data di apertura dei Giochi. Durante tutta la settimana conclusasi il 16 dicembre, le simulazioni sono state condotte da un team di 720 persone guidate dal TOROC (Torino 2006 Organizing Commitee) e da Atos Origin. La prova tecnica ha simulato i tre giorni più impegnativi dei Giochi (15-16-17 febbraio) con collaudi di tutta l’infrastruttura IT, della comunicazione, delle specialità sportive, del sistema di sicurezza, degli impianti e del funzionamento dei sistemi destinati agli operatori della stampa per assicurare che tutto lo staff, la tecnologia e le procedure funzionino al meglio in qualsiasi situazione. Gli scenari sono stati predisposti da un team di 39 commissari che, in seguito, hanno valutato la reazione e il comportamento del team operativo. Tali scenari hanno incluso: malfunzionamenti hardware, bug software, modifiche improvvise alla programmazione delle competizioni, reclami degli utenti, mancanza di personale, aspetti critici della sicurezza, blocco della rete, interruzioni dell’alimentazione. Lo staff operativo è stato tenuto all’oscuro dei 500 possibili scenari con i quali si sarebbe dovuto cimentare. Le prove tecniche si sono svolte in 23 insediamenti sia in città, sia sulle montagne circostanti e hanno riguardato le 15 discipline sportive coinvolte. Tutte le specialità sono state simulate nei reali siti di svolgimento e nelle reali condizioni ambientali dei Giochi, al fine di testare le infrastrutture. La prova finale è stata la fase più importante per il funzionamento dei Giochi. Nel mese di ottobre, la prima prova tecnica è stata completata con successo e il sistema IT ha funzionato secondo le previsioni. I risultati di questa prova sono stati inseriti nei test finali che sono stati completati il 16 dicembre scorso.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore