At&t aumenterà il canone agli utenti P2p

NetworkProvider e servizi Internet

Per un Isp che mette sotto assedio gli utenti del file sharing, ecco un altro che si rifiuta di fare il cyber poliziotto: Verizon non filtrerà il Peer to peer

Gli utenti del Peer to peer sembrano sotto assedio con i filtri al P2p. Ma n on tutti gli Isp (Internet service provider) la pensano allo stesso modo.

Ecco due esempi opposti che arrivano dagli Stati Uniti. At&t, dopo aver pensato a lungo se mettere i filtri al P2p, ha deciso che a umenterà il canone agli utenti P2p. Cinque euro di aumento al canone mensile della banda larga per chi fa molto traffico ovvero per chi scarica dal peer to peer.

At&t ha inoltre ammesso di costruire un filtro per impedire il file sharing da parte degli utenti di file identificati come pirata.

Invece Verizon non seguirà le orme di AT&T o di Comcast sulla strada di cybercop: l’Isp ha affermato di tenere alla privacy dei suoi utenti e si rifiuta di voler praticare l’analisi delle attività degli utenti. Se Hollywood e le Major non sanno adattarsi all’avvento delle nuove tecnologie, non è colpa degli Isp.

Verizon apprezza l’aumento del volume di traffico. Altro che filtri al P2p.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore