Attacco informatico, Cloud Nine obbligata a chiudere

Sicurezza

Il provider inglese non è riuscito a riprendersi dai danni subiti e ha chiuso i battenti

Forse il caso fino ad ora più estremo di attacco informatico, perlomeno quello con conseguenze più gravi nellambito aziendale. Ricorderete un paio danni fa lattaccddmpiuto verso obbiettivi come Yahoo.com, eBay e E*Trade, i cui danni sono stati nellordine delle centinaia di milioni di dollari. E successo nuovamente ma questa volta lattacco è stato diretto verso una società molto meno forte finanziariamente, e le conseguenze sono state letali. In entrambi i casi si è trattato di attacchi del tipo DDOS, ovvero Distributed Denial of Service. Si tratta di un sistema illegale per sovraccaricare di lavoro un server internet, fino a farlo collassare. Gli attacchi DDOS sono molto più frequenti di quanto si pensi, ma raramente vengono eseguiti con la forza e la decisione utilizzate per lattacco verso Cloud Nine. Spesso chi osserva le statistiche di un sito si accorge di strani picchi nelle chiamate, in orari magari non canonici. Spesso si pensa ad un errore nei dati raccolti, o di un problema della rete, in realtà si potrebbe essere stati vittime di un attacco DDOS. Secondo Emeric Miszti, uno dei fondatori di Cloud Nine, lattacco è stato organizzato nellarco di alcuni mesi, durante i quali i server sono stati studiati con attenzione fino a scoprirne i punti più deboli. Lattacco è stato troppo preciso per essere solo la bravata di una notte. Lo stesso problema è stato rilevato recentemente anche da Tiscali UK, che ha dovuto interrompere il servizio per alcuni giorni, con i danni finanziari che questo ha provocato. Cloud Nine sta lavorando assieme alla polizia per risalire ai responsabili. Nel frattempo ha dovuto vendere tutti i suoi 2500 utenti e i siti in hosting al provider rivale ZetNet, dichiarando la chiusura dellattività. Avremmo dovuto interrompere lattività troppo a lungo per effettuare le riparazioni. Abbiamo deciso di lasciar perdere, ha dichiarato Miszti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore