Auralog Primi Passi Inglese

Management

Un corso di lingua interattivo per iniziare da zero, divertendosi, a scrivere
e parlare inglese

Auralog, azienda francese specializzata nello sviluppo di soluzioni per l’apprendimento delle lingue straniere (tra cui Tell Me More) ha rilasciato la nuova versione del software Primi Passi Inglese, un metodo didattico interamente sviluppato in Flash, finalizzato all’acquisizione delle basi grammaticali e sintattiche della lingua inglese. Particolarmente indicato ai principianti assoluti alla ricerca di un sistema che introduca in modo piacevole alla scoperta dell’idioma anglosassone, ma utile anche a chi ?mastica? già un buon inglese, Primi Passi conserva il contenuto editoriale che ne ha sancito il successo in questi anni. Nella nuova release funzioni semplificate e un’interfaccia totalmente ridisegnata migliorano la navigazione, che tuttavia non appare subito chiara a chi l’affronta per la prima volta. Si sente infatti la mancanza di un manuale cartaceo di supporto. La guida in linea può essere avviata solo sulle singole schermate e si limita a descriverne le parti, non spiega la struttura generale del corso, la cui comprensione è affidata interamente all’intuizione dell’utente. Appena caricato il programma, viene richiesto di creare un nuovo ?conto? (account) con nome e password, all’interno del quale verrà poi memorizzato il tracciato degli esercizi svolti. È possibile affrontare il corso seguendo vari percorsi: in modalità guidata, dinamica o libera. Scegliendo uno dei Laboratori Tematici preconfezionati, viene proposta una serie di attività guidate riguardanti la comprensione della lingua e l’espressione vocale, sviluppata per mezzo di dialoghi simulati e interattivi, legati a situazioni di vita quotidiana, e di semplici esercizi di pronuncia. L’utente è invitato ad ascoltare e ripetere brevi frasi e parole in inglese, in modo da abituarsi via via ai nuovi suoni della lingua. Grazie all’utilizzo della funzionalità integrata di riconoscimento vocale, basata sulla tecnologia S.E.T.S. (Spoken Error Tracking System), in grado di riconoscere quello che lo studente dice e di valutare la sua pronuncia evidenziando automaticamente gli errori, è possibile familiarizzare con il parlato in modo più efficiente. La parte orale è accompagnata da esercizi scritti. In alternativa è possibile costruirsi un percorso personalizzato, facendo clic sui pulsanti posti in basso nella schermata, che consentono di consultare liberamente le altre sezioni (schede di cultura, lessico, grammatica, orale, scritto). Allo scopo di far conoscere anche l’aspetto culturale del paese in cui si parla la lingua studiata (il Regno Unito), il programma dedica infatti una sezione al patrimonio storico-artistico britannico e alle principali attrazioni turistiche, proponendo quiz lessicali basati su carte geografiche e ?patchwork? di immagini. Per esercitarsi allo scritto vengono proposti oltre 500 test e giochi didattici multimediali (tra cui cruciverba, dettati, ricerca di parole nascoste), che permettono di apprendere in modo coinvolgente la grammatica di base e arricchire il proprio vocabolario. In conclusione, l’aspetto multimediale e ?ludico? del corso si presenta molto curato e aiuta ad acquisire le basi della lingua inglese senza fatica, d’altra parte però non risulta molto agevole studiare regole grammaticali e coniugazione dei verbi esclusivamente dallo schermo del Pc.

Votazione: 84

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore