Baidu, pirata dagli occhi a mandorla

CyberwarSicurezza

Ifpi ha mosso una vertenza giudiziaria contro il motore di ricerca cinese per violazione delle norme sul sopyright

Tre etichette discografiche internazionali, rappresentate da Ifpi (International Federation of the Phonographic Industry), hanno citato in giudizio Baidu per violazione delle norme sul copyright.

Oltre al motore di ricerca piu’ utilizzato in Cina, anche Yahoo! China deve vedersela con le accuse di accesso a file musicali e altre violazioni sempre sul fronte copyright. Le tre case discografiche sono Universal Music, Sony Bmg e Warner Music.

Contro Baidu, per la verita’, gia’ si era scagliata Emi nel 2005. La causa per violazione della legge sul copyright non porto’ alla dichiarazione di responsabilita’ per Baidu, ritenuta non colpevole, poiche’ i file illegali erano presenti su server differenti da quelli gestiti direttamente dal motore di ricerca.

[ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore