Baldi (Lenovo), la nostra forza è un’offerta mobile end-to-end

Dispositivi mobiliMobility
0 0 Non ci sono commenti

VIDEO – La forza di Lenovo è nella proposta end-to-end nell’ambito della mobility. In arrivo nuovi Mods per la proposta di fascia alta e il cambio di strategia nel brand. La videointervista all’AD Baldi in occasione di MWC 2017

Siamo sinceri, quando Lenovo – solo pochi mesi fa – sembrava muoversi decisa nella volontà di ridimensionare il brand Motorola nel proprio catalogo, non a pochi, tra gli addetti ai lavori, è sembrato che la direzione fosse alquanto autolesionista.

Da un lato un brand rinomatissimo per la proposizione nell’ambito computing (ma sconosciuto su uno smartphone) veniva esaltato; dall’altro quello ancora molto conosciuto in ambito smartphone (Motorola), sembrava venire messo in disparte e troncato (Moto). Era giugno dell’anno scorso mentre intanto arrivava Lenovo Moto Z, la proposta di smartphone modulare che a differenza di quella di LG con il G5, mette a disposizione con add-on esterni, aggiungibili appunto, la potenza di calcolo dello smartphone. I Mods sembrano andare bene, tanto che Motorola è “quasi” pronta per il rilancio della proposta con nuovi modelli che arriveranno a breve.  

Ora dietrofront! L’azienda cinese, con il suo VP Aymar de Lencqueasing, deve avere prestato particolare attenzione anche ai dati di mercato, per capire che evidentemente qualcosa non ha funzionato e non avrebbe funzionato nemmeno in futuro. In verità, i punti di forza nell’offerta dell’azienda cinese a nostro avviso non sarebbero del tutto legati alla scelta del nome, quanto alla disponibilità di un portafoglio completo, dai server al cloud fino ai dispositivi, ed è poi quanto mette in luce Emanuele Baldi, nella nostra videointervista in occasione di MWC 2017

MWC 2017 - Moto G5 e G5 Plus
MWC 2017 – Moto G5 e G5 Plus

A Barcellona, Lenovo ha portato ancora nuovi smartphone di fascia media (i Moto G5 e G5 Plus), Lenovo Tab 4 (tablet), un detachable Miix 320 e la disponibilità allo stand della collezione Lenovo Yoga con i relativi convertibili.

Fuori dai denti possiamo pensare quanto sia difficile potere competere nella fascia media con i tantissimi brand cinesi che sgomitano, anche in Europa (ma Lenovo Italia, pur non nelle prime posizioni della classifica smartphone, vanta comunque una crescita rilevante qui da noi) però poterlo fare con una proposizione tecnologicamente valida (strada già percorsa da Huawei) potrebbe dare ragione a Lenovo, tra i pochi attori sul mercato ad avere davvero una collezione di dispositivi per il computing completa (nemmeno HP Inc. c’è riuscita, non Dell, alla stessa Huawei mancano i pc) . Solo Apple, come Lenovo, dispone di tutta la proposizione di dispositivi per il computing. 

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper  “Migliorare la customer experience nel mondo mobile

QUIZ: Sai di cosa si è parlato a MWC 2017 per quanto riguarda l’evoluzione delle reti? Mettiti alla prova, rispondi al nostro quiz

INCHIESTA: A che punto sei con l’adozione della Sicurezza IT? Partecipa al nostro sondaggio

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore