Banda larga, il piano di Enel per la fibra ottica

Banda LargaNetwork
Primo bando per banda ultralarga ad aprile
6 14 Non ci sono commenti

Una società per azioni è destinata alla copertura con la fibra ottica. Vodafone e Wind plaudono al piano Enel: collaboreranno da subito al progetto

Il piano Enel ha come primo obiettivo quello di formare una società per azioni destinata alla copertura con la fibra ottica. Ad applaudire al piano sono Vodafone e Wind, che collaboreranno da subito al progetto.

Banda larga, il piano di Enel per la fibra ottica
Banda larga, il piano di Enel per la fibra ottica

La nuova società per azioni dovrà sfruttare proprio la rete di Enel Distribuzione per stendere la fibra ottica (e sostituire i contatori attuali con quelli elettronici di nuova generazione). La fibra sarà poi disponibile a tutti gli operatori delle Tlc.

La guida potrebbe essere affidata a Tommaso Pompei, nome familiare in Enel, considerato che Pompei guidava Wind proprio quando il gestore telefonico era sotto il controllo del distributore di energia.

Enel vorrebbe diversificare ed avrebbe le carte in regola per essere il candidato in pole position per realizzare la nuova rete in fibra ottica italiana. Un piano da 12 miliardi complessivi,di cui vengono resi disponibili i primi 2.

Il progetto raccoglie le adesioni di Vodafone e Wind in primis, mentre la società che Enel vuole accogliere altri investitori. Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone Italia ha dichiarato: “La decisione assunta dal CdA di Enel per la costituzione di una società, aperta e accessibile a tutti gli operatori di telecomunicazioni, va nella direzione di realizzare un piano di respiro nazionale per lo sviluppo della banda ultralarga. Siamo pronti a partecipare da subito a questo progetto e a collaborare con Enel convinti che sia una occasione unica e irripetibile per vincere la partita della digitalizzazione del Paese, valorizzare il contributo pubblico e privato, e realizzare una rete a prova di futuro”.

L’amministratore delegato di Wind Maximo Barra ha così commentato: “Quella di Enel è una decisione che va nella direzione da sempre auspicata dalla nostra azienda per superare il digital divide e Wind è pronta a collaborare da subito al progetto…”.

L’operazione sulla banda larga di Enel, dimostra come le utilities dell’energia abbiano sempre più necessità di fare ‘rete’ e di entrare in sinergia con le telco, dall’altro aiuta il governo a raggiungere gli obiettivi di Agenda 2020.

Il piano Enel prevede il cambio dei contatori, un’occasione unica per fare l’ingresso una volta sola nei condomini e portare fino a tre linee di fibra.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore