Banda larga: Tremonti dà l’OK, ma a certe condizioni

NetworkReti e infrastrutture

Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, chiede che un ipotetico finanziamento avvenga a saldo di bilancio invariato e non tramite ricerca di nuovi fondi

La banda larga si può fare. “Il governo dovrà fare una scelta di allocazione, non trovare soldi in più” spiega il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, a margine del consiglio mensile Ecofin.

Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, chiede che un ipotetico finanziamento avvenga a saldo di bilancio invariato e non tramite la ricerca di nuovi fondi.

Il vice ministro alle Comunicazioni Paolo Romani spera che il prossimo Cipe possa prendere in esame l’erogazione di una parte degli 800 milioni in stand-by, già entro il 2009. Il ministro Giulio Tremonti ha dato l’OK, ma a queste precise condizioni. Il ministro Renato Brunetta, a cui l’azzeramento del Digital Divide serve per lanciare E-gov 2012, aveva espresso un cauto ottimismo nelle scorse ore, quando si stava affacciando un “piano B”: aveva detto che la banda larga sarebbe partita dal 2010 ed era fiducioso che i fondi fossero in arrivo.

Dopo che gli 800 milioni di euro, che avrebbero dovuto colmare il divario digitale, sono spariti sotto gli occhi di tutti, congelati fino a un ipotetico “dopo crisi”, è stato un fiorire di proteste: da Confindustria, associazioni consumatori, sindacati, Iab Forum, aziende Ict eccetera. Forse finalmente è giunta l’ora X per la verità sulla banda larga italiana.

Update 19:30: Anche il presidente dell’AgCom, Corrado Calabrò, è intervenuto nel dibattito, sollecitando gli operatori del settore a raccogliere l’ invito della Cdp di Bassanini : “Bisogna trovare un gruppo di investitori, come la Cassa depositi e prestiti che si è gentilmente proposta, perchè facciano l’investimento nella banda larga“. “Faccio un appello agli operatori perchè mettano insieme le loro forze e iniziative” per mettersi insieme e realizzare la rete a banda larga in fibra ottica, ha concluso Calabrò.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore