Bankitalia dà il via libera ai pagamenti al cellulare: le Tlc mobili sfidano le banche

Autorità e normativeNormativa
Voucher IT per digitalizzare le Pmi

In base al nuovo decreto, supermercati e gestori di telefonia mobile potranno adempiere a servizi di pagamento. Senza creare moneta elettronica e solo previa autorizzazione di Bankitalia. La parola alla School of Management del Politecnico di Milano

È stato approvato il decreto che attua la direttiva europea, in base al quale supermercati, benzinai e gestori di telefonia mobile potranno adempiere a un vasto ventaglio di servizi di pagamento.

Il Decreto mette precisi limiti e paletti a Gdo, gestori utilities e gestori mobili: non potranno creare moneta elettronica; e potranno operare solo dopo aver ottenuto l’autorizzazione di Bankitalia, che dovrà a sua volta vigilare sui pagamenti al cellulare.

Gli operatori mobili potranno sfidare le banche, gestendo movimenti in entrata ed uscita, bonifici, accrediti stipendi, ma anche pagando la spesa o abbonamenti eccetera. Nella prima fase si tratterà di un conto corrente prepagato, per effettuare pagamenti contactless via cellulare oppure online.

Secondo l’indagine della School of Management del Politecnico di Milano, nel 2009 le transazioni di mobile payment sono state pari a decine di milioni di euro. Ma entro i prossimi 2-3 anni conquisteranno un quarto degli italiani: i servizi di Mobile Remote Payment passano da 69 nel 2008 a 78 nel 2009 (+13%). I principali servizi di Mobile Remote Payment offerti sono il pagamento della sosta (42%), il pagamento nel settore dell’intrattenimento (17%) e le ricariche telefoniche (14%).

Nokia ha lanciatop, dopo il modello 6212 Classic dotato di tecnologia Near Field Communication (Nfc), anche il nuovo 6216 Classic .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore