Bari sperimenterà il WiMax da giugno

MobilityNetworkWlan

Parte dalla Puglia la lotta al Digital Divide con la sperimentazione della banda larga senza fili

Il WiMax italiano partirà da giugno da Bari. La sperimentazione della banda larga senza fili prenderà il via grazie a un’alleanza commerciale tra l’azienda Aft-Linkem e l’emittente locale Telebari.

La partnership permetterà a Aft-Linkem di utilizzare reti e servizi di Telebari e di occupare oltre 450 unita‘ quando il Centro operativo sara’ a regime.

Il capoluogo pugliese vuole dare un taglio al Digital Divide, e la sperimentazione del WiMax partirà dai quartieri Murattiano, Poggiofranco e zona industriale,

per raggiungere tutta la città entro l’estate

. L’investimento è di oltre 50 milioni di euro.

In Italia all’asta WiMax undici imprese si sono aggiudicate 35 licenze per sfruttare le frequenze della banda larga senza fili: Ariadsl è stata incoronata regina del WiMax, perché la società umbra ha messo sul piatto ben 45 milioni di euro per poter concorrere in tutte le aree macro-regionali. Ariadsl è stata l’unica a pagare circa un terzo del monte complessivo delle licenze messe in asta (l’incasso totale per lo Stato sarà di circa 136 milioni di euro).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore