Battaglia legale nel progetto Arduino

AziendeMarketing
Arduino è ribattezzato Genuino: lo ha annunciato Massimo Banzi a Maker Faire
1 6 Non ci sono commenti

Attualmente sono due società che portano il nome Arduino. Arduino SA, fondata nel 2010, è guidata da Massimo Banzi e ha sede in Svizzera. Arduino Srl (ex Smart Projects) è guidata da Federico Musto insieme a Gianluca Martino. Ma è battaglia legale fra co-fondatori

L’italiana Arduino, che ha fornito schede elettroniche per creare robot, dispositivi indossabili e per Internet delle Cose, plasmando più di altri l’ecosistema mondiale dei Makers, gli artigiani digitali, è nella tempesta, dopo la svolta corporate di Arduino Srl.  Federico Musto è stato nominato nuovo amministratore delegato di Arduino Srl, mentre il co-fondatore di Arduino, Massimo Banzi, rimane saldamente al timone di Arduino.cc (Arduino SA), che si occupa di progettazione, sviluppo e vendita online delle schede Arduino. Arduino Srl di Federico Musto vorrebbe invece occuparsi di internazionalizzazione (progetti con Panasonic e Telecom Italia) e vendite. Ma ora sarebbe tutto in mano agli avvocati.

Il nuovo Ad di Arduino Srl (ex Smart Projects) ha così commentato la sua nomina: “Da oggi la realtà industriale che era il gruppo Arduino cambia perché il mercato dei ‘makers’ non è più quello che era ai tempi del bar di Ivrea e sulla scena ci sono in gioco oggi player importanti come Intel e altri colossi internazionali“. Arduino, che prende il nome del bar di Ivrea dove si riunivano i componenti del gruppo originario (ma anche del Re d’Italia del 1002 d.C.) oggi si presenta divisa in due. Ma Arduino Srl si presenta come “società che produce software e hardware open source” ma, al contempo, in cerca di “una dimensione internazionale che sia in grado interagire con questi gruppi“. Dopo l’accordo con Intel, il gruppo Bosch ha contattato Arduino, una realtà ancora Made in Italy ma che vanta filiali a Shanghai, in Giappone e negli Usa.

Tuttavia la svolta aziendale di Arduino non convince tutti. Anzi, pare che sia scontro tra co-fondatori. Ormai si parla di battaglia legale dentro il progetto Arduino. Ecco come sarebbero andate le cose.

Il progetto Arduino
Il progetto Arduino

Dieci anni fa, Arduino venne fondata dagli italiani Massimo Banzi, Gianluca Martino, dagli americani David Mellis, Tom Igoe e dallo spagnolo David Cuartielles. Attualmente sono due società che portano il nome Arduino. Arduino Srl (con sito Arduino.org) è guidata da Federico Musto insieme a Gianluca Martino, con sede a Strambino, in provincia di Ivrea. Invece Arduino SA, fondata nel 2010, è guidata da Massimo Banzi e ha sede in Svizzera: con sito Web Arduino.cc.

Ma, secondo quanto riporta la stampa, Arduino Srl sarebbe nata “senza alcuna autorizzazione e accordo con Arduino”. “Alcune di tali società nel corso degli anni hanno collaborato con Arduino per quanto riguarda la mera manifattura e la commercializzazione di parte delle schede Hardware disegnate da Arduino“, ma “Arduino ha già intrapreso diverse azioni legali nei confronti del sig. Musto e di tali società sia negli Usa che in Italia“. La battaglia legale tra i fondatori getta nel caos il progetto Arduino? Speriamo di no, e non solo perché il giro d’affari delle schede vale 15 milioni di euro, ma perché il progetto Arduino merita decisamente chiarezza.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore