Bello perché è Vaio

LaptopMobility

Sony punta sullo schermo panoramico.

La linea di portatili Vaio della Sony è sempre stata sinonimo di design originale e di efficienza. La nuova serie PCG non fa eccezione, presentando un curioso profilo inclinato che la caratterizza immediatamente, e che migliora la comodità nella digitazione (anche se lo spessore raggiunto sul retro risulta un po’ elevato). Il modello da noi esaminato, il PCG 215M, è destinato a un uso principalmente non professionale, come testimoniato dall’ottimo schermo da 15″ di tipo panoramico, ideale per la fruizione di video e di film, e dall’inclusione di un masterizzatore di DVD multistandard. Peso e dimensioni lo classificano come un portatile adatto a sostituire il PC da scrivania, non pensato per un uso prolungato in movimento. Il processore è infatti un Pentium 2,8 GHz, affiancato da 512 Mb di memoria RAM e 40 Gb di disco fisso. La scheda video ATI Radeon IGP 345 consente prestazioni medio-basse in grafica tridimensionale. Non eccelsa la dotazione di porte: l’uscita TV è di tipo videocomposito, e non S-Video; manca un’uscita digitale e quindi la possibilità di usufruire di sonoro surround); il lettore di schede accetta solo il formato proprietario Sony, MemoryStick. In compenso, è presente uno slot PC-Card. Le prestazioni ottenute nei test sono accettabili, ma sotto la media. Nel complesso una macchina discreta, dal prezzo non elevato, per chi vuole un PC appariscente ma non chiede troppo alle prestazioni.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore