Berners-Lee, il Web semantico e’ il futuro

ManagementNetworkReti e infrastrutture

In occasione di una intervista sul web semantico, il creatore del Www, Sir Tim Berners-Lee affronta il tema con un occhio al business aziendale, evidenziandone gli aspetti piu’ interessanti

Tim Berners-Lee, co-inventore del World Wide Web e Direttore del W3C, ha analizzato i pregi del web semantico soprattutto per le realta’ aziendali.

In occasione di una intervista rilasciata al giornalista Paul Miller (ZDNet), Berners-Lee ha sottolineato che quando si parla di web semantico, non si parla solo di pagine web, ma anche di database. E’ enorme, infatti, la quantita’ di dati presenti in Rete, che, secondo Berners-Lee, possono essere estrapolati e capiti grazie al web semantico.

Prendendo come esempio i siti di social networking, i dati immessi dagli utenti potranno essere riutilizzati a vantaggio degli operatori della Rete, che potranno trarne un valore extra. Recentemente, Berners-Lee ha parlato di Ggg (Giant Global Graph), cioe’ di un acronimo che evidenzia il nuovo modo di interpretare la Rete, ovvero quello degli utenti, che non sono solo fruitori di informazioni, ma che ne introducono di nuove nel Web 2.0

StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore