Berners-Lee. Le mie paure del Web futuro

Workspace

Il creatore del World Wide Web si dimostra decisamente insoddisfatto per le
pieghe che sta prendendo l’uso del Web

Londra (UK). In occasione di una sua intervista alla Bbc, l’ideatore del Web, Sir Tim Berners-Lee, ha evidenziato la sua preoccupazione per il modo con cui la Rete è utilizzata. Il rischio, sempre più possibile, è che il Web sia preda di “disinformazione e di forze non democratiche”. “Dobbiamo dotarci di una scienza ad hoc per capire il Web. Dobbiamo essere capaci di vedere dove sta andando il Web, per continuare a servircene bene, oppure finiremo per esserne sopraffatti”, ha precisato Berners-Lee. L’idea, dunque, è quella di richiamare scienziati di varie discipline (biologia, scienza politica, sociologia, ecc.) per studiare il Web e il modo con cui esso influisce sulla società. “Tutte le discipline devono convergere in questo studio”. Le dichiarazioni di Berners-Lee giungono in occasione del lancio di un team di ricerca a lungo termine, che sarà composto da esperti del Massachusetts Institute of Technology (Mit) e dell’Università di Southampton, presso la cui “School of Electronics & Computer Science” è professore di Computer Science. Il progetto, denominato Web Science Research Initiative, ha l’obiettivo ambizioso di comprendere le sfide scientifiche, sociali e tecnologiche che sottostanno alla crescita del Web.

StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore