Between-Osservatorio Banda Larga: Le sfumature del Digital Divide in Italia

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Risiko Tlc in Europa: la francese Orange compra la spagnola Jezztel

Between – Osservatorio Banda larga analizza il Digital Divide in Italia

Lo scorso dicembre Between-Osservatorio Banda Larga confermava il divario digitale italiano. L’Adsl rappresenta il 10% dei possessori di telefonia. Il 98% della popolazione è teoricamente coperto, ma esiste ancora un divario fra coloro che possono fruire di un’Adsl a tutti gli effetti. Alcuni utenti non possono attivare l’Adsl per problemi tecnici, mentre altri utenti risultano coperti solo da Adsl 640, che non è vera banda larga, e quindi preferiranno l’Umts/Hspa per una connessione veloce.

Il wireless cerca di ovviare ad alcuni problemi. Il 5% della popolazione, non coperto da Adsl, può connettersi solo in banda larga wireless. Si tratta di connessioni Hspa, ma anche l’Hiperlan/WiMax, che offre performance/ costi confrontabili a un’Adsl 7 Megabit. L’Hspa non offre invece queste prestazioni, ma gli utenti (ove raggiunti) possono effettuare l’upgrade alla tecnologia LTE, che fra l’altro supera l’Adsl in upload.

A colmare il divario digitale ci penseranno LTE e i bandi pubblici. Il 5% degli italiani ancora in Digital Divide, senza accesso alla banda larga, potranno connettersi via Lte (ma queste connessioni non sono flat totali, e la connessione potrebbe incidere in bolletta) e in parte tramite le reti a banda larga, che saranno ottenute con i bandi pubblici.

Negli ultimi 30 guorni l’ ha preso due decisioni importanti: la prima sui prezzi dei servizi all’ingrosso per la rete fissa di nuova generazione; la seconda riguarda una consultazione sul prezzo dei servizi all’ingrosso dell’accesso in rame (la rete attuale). i prezzi del canone per i servizi all’ingrosso di Telecom Italia spaziano da 21,51 euro/mese (FTTC senza voce, per servizi fino a 30 Mbps) a 24,9 euro/mese (FTTH, servizi fino a 100 Mbps), al quale si soma il taglio del prezzo del verticale di palazzo, fissato in 5,96 euro /mese da applicare alle soluzioni FTTH.

Invece il canone per l’accesso alla rete in rame dovrà essere compreso tra l’attuale 9,25 euro /mese e il 8,62 euro /mese (del 2010).

Between - Osservatorio Banda larga analizza il Digital Divide in Italia
Between – Osservatorio Banda larga analizza il Digital Divide in Italia
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore