Bill Gates spazia dalla pubblicità online al suo futuro

Aziende

Microsoft non è fuori dai giochi del nuovo modello di business
dell’advertising: ma non si è sbottonata su Yahoo

Bill Gates ha aperto lo Strategic Account Summit di Seattle e ha parlato di molti argomenti, spaziand o dai giornali al business della pubblicità online (dove Google appare imbattibile), dalla Tv alle nuove forme di publishing. L’uso delle Pagine Gialle presso i giovanni sotto i 50 anni crollerà a zero nei prossimi cinque anni. La Tv e i media all’improvviso devono competere con i video amatoriali e i clip uplodati su YouTube. Insomma, Bill Gates vede un mercato Internet in rapido mutamento: il fondatore di Microsoft vede in declino anche il business dei giornali, anche locali. Ovviamente è stata vivisezionata ogni parola o espressione di Gates per carpire quali intenzioni ha Microsoft verso Yahoo (c’è chi ha scritto che il motore di ricerca faccia lo snob verso Microsoft perché uno dei cofondatori di Yahoo, Jerry Young, evita perfino di impiegare prodotti targati Microsoft). Tuttavia Bill Gates, sul tema più scottante della settimina, non si è sbottonato: Microsoft vuole dimostrare di essere ancora in partita nel business dell’advertising online, nonostante l’accelerazione impressa da Google dopo l’acquisizione di DoubleClick (in funzione anti Microsoft). Microsoft ha anche mostrato un uso pubblicitario di PhotoSynth (che crea immagini 3d da collezioni di foto digitali), come potenziale killer application per aggiornare la ricerca e l’advertising, a metà strada tra il Web e i mondi virtuali alla Second Life. In compenso Bill Gates ha parlato a 360 gradi:Internet sta per inglobare tutto, Microsoft è comunque pronta a cogliere ogni opport unità;Gates conferma che lavorerà per Microsoft fino a metà 2008, traghettando la società nella nuova era del Web. Nelle stesse ore Joanne Bradford, chief media officer di Msn, ha affermato che importanti cambiamenti avverranno nella sezione. Quali? Bocche cucite: vedremo se sarà un riassetto e se coinvolgerà Yahoo.

Il Wall Street Journal ha però svelato ieri un aneddoto: il numero due di Yahoo, Susan Decker, è entrato nel board di Berkshire, insieme a Warren Buffett e Bill Gates. Pare stia nascendo un asse Buffett-Yahoo-Gates anti Apple-Google.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore