Bing Dealmap va a caccia di affari come Groupon

E-commerceMarketingNetwork
L'online è il tallone d'Achille di Microsoft

Bing sale sul carro degli sconti, degli affari e delle offerte speciali. In tempo di inflazione galoppante, Bing Dealmap è una funzionalità molto ricercata dagli utenti

Bing lancia Dealmap, sulla scia di Groupon, il sito degli sconti che rappresenta l’evoluzione digitale delle inserzioni dei giornali locali. Bing Dealmap va a caccia di affari come Groupon. Dealmap, che offre l’accesso a 200.000 offerte in 14.000 città, mette insieme i voucher a partire da servizi di punta del settore: Groupon, LivingSocial e Restaurant.com.

Bing offrirà la lista di offerte disponibili a partire dai risultati “locali”; nella versione mobile, il motore di ricerca fornirà il nuovo menù Affari“. Il motore di ricerca di Microsoft è in grade crescita, tanto che Bing ha già sorpassato Yahoo! in Francia.

La competizione sull’onda di Groupon cresce. Dopo “Local Offers” di Yahoo! e dopo che Google ha dovuto incassare il no di Groupon a un’acquisizione da 6 miliardi di dollari, ha sfoderato Google Offers per sfidare proprio Groupon: gli utenti riceveranno un’email con un affare locale al giorno. Gli utenti ottengono l’opportunità di concludere l’affare in un tempo specifico e limitato (per esempio entro 24 ore).

Facebook Deals invece funziona così: Facebook Deals, estensione di Facebook Luoghi, permette di individuare le occasioni in zona tramite smartphone oltre a condividere tra amici suggerimenti per risparmiare tramite News Feed. Si tratta della nuova funzionalità che, via smartphone, consente di usufruire di sconti e promozioni o ottenere premi offerti da marchi, grazie a un semplice check-in. Sempre grazie a Deals è inoltre possibile condividere le offerte speciali con i propri amici di Facebook, dando loro l’opportunità di accedere a servizi vantaggiosi.

Bing Dealmap procura gli sconti di Groupon
Bing Dealmap procura gli sconti di Groupon
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore