Bisio (Vodafone): Vodafone Experience Center è dedicato ai servizi aziendali

Aziende
Aldo Bisio, Amministratore Delegato: Vodafone Italia non acquisisce Fastweb
0 3 Non ci sono commenti

Il boom di smartphone e di oggetti indossabili collegati alle rete innalza la richiesta di connettività e di traffico dati. Le aziende devono appoggiarsi a un player integrato come Vodafone

Se due anni fa Vodafone aveva inaugurato alle porte di Milano il complesso tecnologico che oggi la ospita (il Vodafone Village), ha aperto negli scorsi giorni e nella stessa location il Vodafone Experience Center, un laboratorio interattivo che nasce per mostrare direttamente alle aziende i servizi loro dedicati. Su 700 metri quadrati, grazie a un investimento di 3 milioni di euro, lo spazio ospita le tecnologie e le offerte pensate per le aziende italiane,  un segnale che ribadisce lo spostamento forte di Vodafone verso il mondo aziendale, dalla pmi all’enterprise. Ponendo l’accento non tanto sui prezzi, ambito che ha visto scontrarsi per anni gli operatori, ma sul valore delle soluzioni proposte, che le aziende dovrebbero ricercare appoggiandosi a un unico player.

E’ in questa direzione che va il cambiamento voluto da Aldo Bisio, amministratore delegato di Vodafone Italia dal primo di gennaio 2014, lungo un percorso che poggia su quattro pilastri ben precisi: spostare Vodafone da mobile company a player integrato in grado di scalare l’offerta sulle dimensioni del cliente; spingere la focalizzazione sulle aziende proponendosi come un player nel mondo enterprise;  crescere nei mercati emergenti; innovare in maniera selettiva, con focus su applicativi verticali, che vanno dal mondo del cloud, a quello Machine-to- Machine,  alla security, quest’ultimo un parametro molto importante per le aziende.

“In un mercato sempre più complesso, dove la miniaturizzazione della capacità di calcolo all’interno di smartphone e di oggetti indossabili collegati alle rete innalza la richiesta di connettività e di traffico dati,  serve alle aziende appoggiarsi a un player integrato” puntualizza Bisio. Ed è qui che Vodafone sta andando con gli investimenti previsti dal Piano Spring,  annunciato a novembre, per 23 miliardi di euro fino a marzo 2016 ai quali si aggiungono 8.4 miliardi di euro incassati dall’accordo con Verizon, una somma che verrà utilizzata in investimenti addizionali sia su rete fissa sia su rete mobile.

Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone Italia.
Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone Italia.

“Per quanto riguarda l’Italia, basta focalizzarci sui prezzi, vogliamo puntare sul valore, perché c’è la domanda per migliorare il livello di servizio da parte dei consumatori e con le nostre proposte vogliamo mettere in atto alcune strategie di differenziazione dai concorrenti che passano dalla copertura nei prossimi due anni del 95% della popolazione con tecnologia Hspa+ a 43,2 Mbps, alla copertura di 150 città italiane con la fibra, al portare il 4G al 90% della popolazione per un investimento di 3,6 miliardi di euro nei prossimi due anni. 1,8 miliardi di euro all’anno significa avere raddoppiato  quanto investito fino ad oggi (circa 800 milioni l’anno) incrementando di 500 quest’anno gli investimenti per lo sviluppo delle reti mobile 4G e di 300 lo sviluppo della fibra che in Italia è indietro rispetto ad altri paesi nel mondo”. Il consumo di dati cresce al ritmo del 40% all’anno e tende a raddoppiare ogni due-tre anni, richiedendo una connettività elevata su reti mobile 4G e 4G Advanced  ma anche sulla rete in fibra di nuova generazione. E’ necessario fare investimenti che rendano più integrate le reti e più fluida l’esperienza dei consumatori: un player oggi per essere credibile deve lavorare in modo integrato, tra fisso e mobile. Vodafone vuole offrire connettività a tutta la collettività (everybody), instaurando una relazione di fiducia sia con i clienti sia con gli shareholder (confidently), attraverso la connettività  con reti più veloci della concorrenza”.

Tornando al Vodafone Experience Center, Ferruccio Borsani, direttore commerciale Vodafone Italia, sottolinea quanto sia uno spazio non solo per condividere ma per progettare sin dall’inizio con i cliente il servizio migliore, dandogli l’opportunità di vedere installate tutte le soluzioni Vodafone e capire come possono essere integrate nell’offerta della singola azienda. “Non è un demo point – precisa – ma un momento di apertura e di condivisione del percorso da fare insieme”. Il centro ha diverse aree funzionali: Warm Up room “dove inizia il viaggio nelle tecnologie”,  e via via entrando nelle soluzioni nella Innovation room,  nella Discovery room fino alla Business Solution Arena che tocca anche le soluzioni in ambito Mobile Apps e smart cities. Oggi il perso del fatturato enterprise è nell’ordine del 25%, comprendendo tutto il business derivante dalle aziende siano queste pmi o multinazionali, con una crescita prevista a doppio digit in ambito enterprise nel prossimo anno.

Scopri come i tablet stanno cambiando il business (i.p.)

Vodafone Experience Center

Image 1 of 8

Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone Italia.
Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone Italia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore