Black Hat spazia dal rootkit per Mac Os X alla falla Sms in iPhone e Android

CyberwarSicurezza

La sicurezza informatica si dà appuntamento a Black Hat: Apple nel mirino degli hacker. Vietato parlare dei dettagli su Conficker a Mikko Hypponen: le indagini sono ancora in corso

Al Black Hat

Apple diventa protagonista involontaria. La sicurezza informatica e gli hacker si danno appuntamento a Black Hat, e metteno Apple iPhone (ma anche Android) e Mac Os X nel mirino.

E’ stato individuato il primo rootkit per Mac Os X: Dino Dai Zovi ha rivelato il rootkit proof-of-concept che gira su Mac Os X. La tecnica potrebbe essere sfruttata dagli hacker per introdursi nei computer Apple e rubare dati criptat i. La tecnica, battezzata “Machiavelli“, funziona solo sui computer già infettati: può controllare il browser di Apple, Safari, e sottrarre dati criptati dal conto corrente degli utenti.

Intanto iPhone e Google Android (ma anche Windows Mobile) potrebbero essere vulnerabili ad attacchi via Sms: Charlie Miller e Colin Mulliner hanno illustrato come messaggi di testo (centinaia) possano hackerare un iPhone via Sms. Per chi riceve un quadratino nel testo dell’Sms, l’unico modo per difendersi è spegnere l’iPhone.

Infine a Mikko Hypponen è stato invitato a non parlare dei virus writer di Conficker: le indagini sono ancora in corso. Hypponen ha confermato che parlerà del virus Conficker alla conferenza, ma senza aggiungere “nuove informazioni” sul malware, per evitare di intralciare gli investigatori. Conficker ha infettato circa 10 milioni di computer: il picco è stato a marzo.

Leggi: A Black Hat rivelata una falla nei Mac

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore