Blackberry ci riprova con A10

AccessoriMarketingMobilityWorkspace
Cambio al vertici di Blackberry
0 0 Non ci sono commenti

Blackberry, in cerca di un successo nel mercato smartphone, prepara A10, un nuovo modello totto touchscreen. Nel frattempo esamina l’exit strategy: dalla joint venture alle apartnership, fino alle cessioni

Mentre prosegue la ristrutturazione del BlackBerry con altri 250 tagli e in attesa di sapere quale sarà l’exit strategy aziendale, l’azienda canadese, che già produce lo Z10 e il Q10, riprova a lanciare una hit nel  mercato smartphone, dopo il flop dello Z10. Il prossimo modello touchscreen sarà Blackberry A10. L’A10 sarà il fiore all’occhiello dell’azienda ed assomiglierà all’HTC One per via della rifinitura cromata. Secondo le ultime indiscrezioni, l’A10 dovrebbe avere uno schermo AMOLED da 5 pollici (contro i 4.2 dello Z10) e 720p, un processore dual core, 2GB di RAM e dovrebbe uscire entro la fine del 2013, in tempo per lo shopping natalizio: il ritardo dello Z10 è stato infatti concausa del flop, in quanto il terzo trimestre è cruciale per le vendite di smartphone, mentre rallentano le vendite di fascia alta, in un mercato smartphone che comunque vale 358 miliardi di dollari.

L’azienda canadese ha riportato in primavera un rosso di 84 milioni di dollari, una perdita mentre continua la crescita nelle spedizioni globali di smartphone. Pur avendo registrato una perdita del 15% nel suo fatturato complessivo, Blackberry cerca la svolta. Il Playbook ha raggiunto 100mila unità vendute, ed è stato fermato il piano di upgrade al nuovo OS mobile: “Sfortunatamente, non sono soddisfatto dei livelli raggiunti tra performance del dispositivo ed esperienza lato utente – ha precisato il Ceo Thorsten Heins agli investitori – Ho preso la difficile decisione di fermare i nostri sforzi per concentrarci sul nostro fondamentale portfolio hardware”.

Per assicurarsi l’India, mercato chiave per il Blackberry, dove le vendite di iPhone sono aumentate nel secondo trimestre del 400%, Blackberry è scesa a patti con le autoritò locali. A inizio luglio BlackBerry ha acconsentito alle autorità indiane di monitorare email, chat e sessioni di navigazione dei suoi utenti, fornendo l’accesso alle comunicazioni cifrate che i cittadini scambiano attraverso i servizi di messaggistica e email. The Economic Times ha sentenziato “Il sistema legale di intercettazione per i servizi BlackBerry è pronto all’uso”.

Da tempo voci indicano in Lenovo uno dei principali pretendenti per acquisire Blackberry. L’altro giorno un comunicato diffuso dall’azienda, ha annunciato la formazione di un comitato speciale per esaminare le opportunità i “exit strategy”: Blackberry valuta le alternative strategiche. Il Ceo Thorsten Heins prewnderà in considerazioni joint venture, partnership e perfino la cessione, dopo che l’ex colosso ell’email mobile ha bruciato in Borsa 80 miliardi di valore di capitalizzazzione in un quinquennio.

L’uscita di nuovi smartphone è ormai una notizia quotidiana, al punto che è davvero difficile tenere il passo ed essere aggiornati costantemente. Pensate, invece, di avere perfettamente il polso della situazione? Scopritelo con il nostro quiz.

Blackberry prepara A10, il nuovo fiore all'occhiello tutto touchscreen
Blackberry prepara A10, il nuovo fiore all’occhiello tutto touchscreen

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore