BMW abbraccia l’innovazione con Red Hat OpenShift Container Platform

Aziende
BMW: La self-driving car su strada dal 2021

CASE HISTORY – BMW Group attualmente ospita oltre mille app web-based, confermando la crescente domanda di hub applicativi facili da utilizzare

BMW Group ha implementato Red Hat OpenShift Container Platform per supportare la fornitura di applicazioni e servizi di business. La piattaforma è utilizzata da BMW Group per abbracciare l’innovazione, velocizzare lo sviluppo applicativo e il time to market e ottenere maggiore flessibilità per scalare i servizi on-demand.

In un contesto competitivo come quello automobilistico, l’infrastruttura IT non solo supporta funzioni interne come lo sviluppo e la produzione, ma deve abilitare la fornitura di servizi digitali mirati a soddisfare aspettative di customer experience sempre più elevate in termini di affidabilità e prestazioni. Svariati clienti interagiscono direttamente con BMW Group tramite i suoi servizi IT. Quasi tutte le auto vengono consegnate con BMW ConnectDrive, il prodotto digitale dell’azienda che pilota e veicolo a diversi servizi e app che offrono informazioni relative all’auto, assistenza e intrattenimento in viaggio o che permette loro di accedere al veicolo da remoto.

Accenture builds BMW a Google AR Car Visualizer

BMW Group attualmente ospita oltre mille app web-based, confermando la crescente domanda di hub applicativi facili da utilizzare. Questa crescita identifica un’esigenza per molte aziende: scalare le applicazioni e i servizi esistenti in modo dinamico per soddisfare la domanda, pur portando sul mercato innovazioni in modo più rapido. Le architetture tradizionali sono monolitiche per loro natura e faticano a gestire la dinamicità dei workload moderni. Questa esigenza ha portato molte aziende globali a cercare infrastrutture applicative più flessibili che consentano uno sviluppo e una metodologia di IT operation più agili, compresa la delivery continua, l’integrazione costante e l’automazione estesa.

Red Hat OpenShift Container Platform è l’unica soluzione hybrid cloud container-centrica basata su container Linux e sui progetti sui progetti Kubernetes, Project Atomic e OpenShift Origin e sulla più nota piattaforma enterprise linux Red Hat Enterprise Linux e offre una piattaforma più sicura e stabile per implementazioni basate su container senza sacrificare gli investimenti IT esistenti e abilitando la coesistenza di applicazioni tradizionali mission-critical con quelle nuove cloud-native basate su container.

Poiché i suoi sviluppatori preferivano utilizzare tecnologia standard, BMW Group ha valutato le notevoli contribuzioni di Red Hat ai progetti docker e Kubernetes e alla sua versione enterprise-ready di queste tecnologie. Red Hat OpenShift Container Platform supporta anche molteplici public cloud, consentendo di valutare diverse strategie hybrid cloud, pur mantenendo applicazioni che sono indipendenti dall’infrastruttura sottostante, permettendo a realtà come BMW Group di scegliere la tecnologia che meglio soddisfa le sue esigenze in ogni momento. Inoltre, l’integrazione di Red Hat OpenShift Container Platform con stack tecnologici esistenti preserva gli investimenti in essere, facilitando la migrazione verso ambienti runtime cloud-native.

BMW ConnectDrive è soggetto a notevoli fluttuazioni in termini di richieste di servizio, a seconda del momento del giorno, condizioni climatiche, traffico e altri fattori. Dopo la decomposizione delle applicazioni tradizionali in microservizi che girano su container, Red Hat OpenShift Container Platform permette a BMW Group di effettuare il point scaling per aggiustare i carichi in base ai picchi nella domanda e offrire il livello di servizio che gli utenti oggi si aspettano.

“BMW Group mostra come un’organizzazione possa adottare metodologie agili e tecnologie container moderne per offrire valore e migliorare la customer experience”, dichiara Ashesh Badhani, vice president e general manager OpenShift in Red Hat.Siamo contenti di supportare un leader nell’innovazione automotive che sviluppa le sue competenze tecnologiche e capacità di innovazione per offrire servizi in modo più rapido e affidabile. Vedere un’azienda che semplifica il processo di sviluppo applicativo, dalla creazione all’implementazione, è fondamentale per la trasformazione digitale e un trend che speriamo di vedere sempre più di frequente”.