Body Scanner a Fiumicino e Malpensa

Autorità e normativeSorveglianza

Gli apparecchi anti terrorismo, per controllare i passeggeri in volo verso gli Usa, sbarcano negli aeroporti italiani. L’Enac spenderà 2 milioni di euro per 15 Body scanner

I Body Scanner, i controversi apparecchi anti terrorismo, per controllare i passeggeri in volo verso gli Usa, sbarcano negli aeroporti italiani: a Fiumicino e Malpensa. Sono i primi due di 15 unità in arrivo (per il costo di 2 milioni di euro a carico dell’Enac -Ente nazionale aviazione civile). La Ue ha detto che, fatti salvi il principio di proporzionalità e la privacy, i Body Scanner a onde millimetriche possono essere ammessi: per scoprire eventuali armi nascoste sotto i vestiti e nei corpi dei terroristi. Anche il Comitato Interministeriale per la Sicurezza del Trasporto Aereo (CISA) ha detto che i raggi non sono pericolosi.

Per tutelare la privacy, il volto verrà oscurato e le scansioni saranno cancellate.

Leggi anche: Privacy violata al Body Scanner a Londra

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore