Boom per le apps alternative a Whatsapp

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
WhatsApp e Facebook, verso una maggiore integrazione
8 1 1 commento

Si chiamano Line e Telegram i servizi più aggressivi di messaggistica istantanea, rivali di Whatsapp

Line (app per Windows Phone, iOs e Android) ha aggiunto 2 milioni di iscritti provenienti da Europa e Stati Uniti soltanto nelle 24 ore in cui WhatsApp era offline, in seguito all’acquisizione da 19 miliardi di dollari di Facebook. Boom di iscrizioni sono stati messi a segno anche dalla tedesca Telegram, la coreana Kakao Talk e la cinese WeChat. Line conta 350 milioni di utenti registrati. La tedesca Telegram (per Android, iOS e ) ha avuto un picco di connessioni, dopo i 4 milioni di utenti in 36 ore.  E nei giorni precedenti a Facebook, Rakuten ha comprato Viber per 900 milioni di dollari: Viber vanta oltre 225 milioni di utenti.

Line non è solo un’applicazione che consente  di mandare messaggi ed effettuare chiamate gratuite, ma una vera e propria piattaforma di comunicazione che coniuga la semplicità d’uso con l’intrattenimento digitale. Con un volume di 7 miliardi di messaggi inviati ogni giorno (dati di settembre), LINE è disponibile sull’Apple Store, sul Google Play, sul Windows Phone Store e sull’Appworld di Blackberry.

Naver, proprietaria di Line, ha negato di aver avuto colloqui o aperto trattative con la giapponese SoftBank. Però Line conferma che l’85% dei 370 milioni di utenti dell’applicazione di messaggistica istantanea fanno base in Giappone: 10 milioni solo in USA e Malesia Line spera di raggiungere il mezzo miliardo di utenti per fine anno, ed è valutata 14,9 miliardi di dollari, secondo BNP Paribas.

Telegramservizio open source basato sul cloud – invia messaggi criptati. I messaggi si autodistruggono, trascorso un periodo di tempo dalla lettura. Permette di spedire file di qualsiasi dimensione anche a chat di gruppo.

Mentre WhatsApp supera i 450 milioni di utenti ed aggiunge un milione di utenti al giorno, anche le alternative crescono.

In Italia è stata lanciata anche Chad2Win, l’app di messaggistica istantanea, disponibile sia per iPhone che per Android, che paga gli utenti per chattare. Infine BBM, già sbarcato su iPhone ed Android, arriverà anche su Windows Phone: lo ha annunciato Blacberry a MWC 2014 a Barcellona. WeChat è un’app gratuita e disponibile per Android, BlackBerry, iOS, Symbian e i sistemi operativi Windows Phone, che permette di inviare messaggi testuali, voce e video come Skype. Per le conversazioni di gruppo, spicca Kik Messenger; mentre ChatOn offre l’opportunità di comunicare via foto, emoticon, conversazioni di gruppo e messaggi vocali.

I servizi di messaggistica istantanea consentono una comunicazione in tempo reale, con scambio di messaggi ed immagini. Il mercato SMS vale tuttora 100 miliardi di dollari all’anno a livello globale.

LINE e Telegram, boom d'iscrizioni, dopo l'acquisizione di Whatsapp
LINE e Telegram, boom d’iscrizioni, dopo l’acquisizione di Whatsapp
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore