Brescia promuove l’autoimprenditorialità e le giovani imprese individuali

AziendeFinanziamentiMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Congelata la ritenuta al 20% sui bonifici dall'estero: penalizzava utenti di PayPal e eBay
6 0 Non ci sono commenti

Al via un bando 2014 con l’obiettivo di sostenere sia l’autoimprenditorialità, ossia la creazione d’impresa e l’attivazione di lavoro autonomo, sia il consolidamento d’impresa

Fondi a sostegno di imprese individuali avviate da meno di due anni e a favore dell’autoimprenditorialità sul territorio bresciano.

Al via un bando 2014 con l’obiettivo di sostenere sia l’autoimprenditorialità, ossia la creazione d’impresa e l’attivazione di lavoro autonomo, sia il consolidamento d’impresa. A beneficiare di queste agevolazioni sono: uomini e donne disoccupati o inoccupati iscritti al centro per l’impiego competente territorialmente e residenti in uno dei comuni della provincia di Brescia e le imprese individuali avviate da meno di 24 mesi aventi sede legale e/o operativa in provincia di Brescia. Le domande vanno presentate entro il 30 settembre 2014.finanziamenti, pmi@shutterstock

L’aiuto finanziario è concesso sotto forma di contributo in conto capitale pari all’80% delle spese ammesse, entro i seguenti massimali: 8mila euro per la creazione di impresa, a fronte di una spesa minima di 2.500 euro; 5mila euro per l’attivazione di lavoro autonomo, a fronte di una spesa minima di 2.500 euro; 8mila euro per il sostegno delle imprese individuali avviate da meno di 24 mesi, a fronte di una spesa minima di 2.500 euro.

E le spese ammissibili riguardano: la stesura dell’atto costitutivo; l’imposta di registro fissa e imposta di bollo; l’iscrizione al registro delle imprese della Camera di Commercio; la tenuta dei libri sociali; la stesura di un business plan; l’attività di promozione e pubblicità; gli studi e ricerche; l’acquisto di un bene materiale strumentale; la realizzazione di un sito internet e le locazione immobili.

Questo per quanto riguarda l’autoimprenditorialità. Mentre per quanto riguarda il consolidamento d’impresa, le spese ammissibili riguardano: attività di pubblicità e di promozione; stesura di un piano industriale/commerciale; studi e ricerche; formazione delle figure manageriali e dei lavoratori; gestione del personale; acquisto di un bene materiale strumentale; implementazione sito internet / pagine web e locazione immobili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore