Brevetti, nel 2011 la Cina supera Usa e Giappone: il “designed in China” si avvicina

AziendeMarketing
Le ambizioni di Alibaba e Xiaomi, l'avanzata delle startup cinesi

Nell’anno che sta per chiudersi, la Cina ha superato Usa e Giappone nella registrazione di brevetti. Dal “made in China” la seconda economia del mondo passerà presto al “designed in China”

Chi ha deposto più brevetti nel 2011? La Cina ha sorpassato Usa e Giappone. La Cina è il “top patent filer” dell’anno che sta per chiudersi. Dopo la Grande Recessione del 2009, di cui i Bric (Cina India Russia e Cina) non sembrano neanche essersi accorti, la Cina mette a segno un nuovo storico sorpasso sugli Stati Uniti. Per ora è un sorpasso in termine di volumi, e non ancora di qualità, ma la Cina impara molto in fretta. Secondo Reuters la Cina totalizzerà 500.000 brevetti nel 2015, mentre gli Stati Uniti conteranno su 400.000 brevetti e il Giappone su 300.000.

Dal “made in China” la seconda economia del mondo passerà presto al “designed in China“? Presto per dirlo. La Cina sta per diventare non più solo il mercato della manifattura, grazie alla produzione a basso costo, bensì anche la culla delle idee e dell’innovazione. La Cina sta per diventare una potenza anche nel mercato auto, farmaceutico e hi-tech, come dimostrano il successo di Lenovo (ormai secondo vendor del mercato Pc), Huawei e nel low-cost Zte; ma anche del motore di ricerca Baidu e di Alibaba, che vorrebbe perfino mettere le mani su Yahoo!.

Per migliorare la qualità dei brevetti, gli esperti legali sostengono che la Cina avrebbe l’esigenza di fare di più, per migliorare la qualità dei brevetti depositati, prima di guidare il mondo nell’innovazione. Il governo studia incentivi attraenti per le aziende in Cina.

L’idea di ‘subsidiarizzare’ i brevetti non è male in sé“, ma una cosa è il volume dei brevetti, un’altra è la qualità. Certo che la “crescita” cinese anche in questo campo è impressionante: l’ufficuo brevetti cinesi ha registrato una crescita media del 16.7% alll’anno, passando da 171.000 brevetti nel 2006 a quasi 314.000 nel 2010. Le applicazioni domestiche sono cresciute di quasi il 73% nel 2010: un vero boom rispetto al 52% del 2006.

Cina batte Usa nei brevetti
Cina batte Usa nei brevetti
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore