Brevetti, Paul Allen torna alla carica contro Apple, Google e Facebook

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa

Fino al 28 dicembre il giudice ha concesso tempo a Paul Allen, co-fondatore di Microsoft, di integrare le accuse. La causa di brevetto contro i Big IT della Silicon Valley proseguirà

Paul Allen, il co-fondatore di Microsoft insieme a Bill Gates, aveva denunciato a raffica tutti o quasi. A fine agosto Paul Allen aveva puntato il dito contro: Apple, Facebook, Google, YouTube, eBay, Netflix, Yahoo!, AOL, Office Depot, OfficeMax e Staples. Tutti denunciati per violazione di brevetti. benché concessi un decennio fa. Si tratta di brevetti legati all’e-commerce e all’uso del browser per la ricerca di dati audiovisivi e l’indicizzazione di nuove fonti.

Ma anche se la sua denuncia è stata respinta in questa fase preliminare, in quantop giudicata troppo vaga, Paul Allen non demorde. Il co-fondatore di Microsoft, secondo il Wall Street Journal, integrerà le accuse: infatti il giudice gli ha concesso tempo fino al 28 dicembre.

A fine agosto Paul Allen ha denunciato 11 aziende ITC per ben 197 violazioni di quattro diversi brevetti.

Paul Allen contro tutti
Paul Allen contro tutti
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore