Brocade pensa a Foundry ma anche alle soluzioni di protezione dei dati nei data center

CloudServer

In fase di stallo la fusione. Intanto Brocade lavora all’encryption dei dati nel backbone dei data center

L’attesa fusione tra Brocade e Foundry Networks sembra essere entrata in una fase di stallo dopo il rinvio dell’assemblea degli azionisti di Foundry causata da“ recenti sviluppi relativi alla transazione”. Nessun commento ufficiale viene né da Foundry né da Brocade , mentre gli analisti finanziari parlano di difficoltà di finanziamento causate dell’attuale situazione del mercato creditizio. Sembra anche che Brocade stia cercando di ridurre il costo della transazione.

Ma in attesa di questi sviluppi, Brocade che ha chiuso il suo anno fiscale a fine ottobre , ed è alla vigilia a novembre della pianificazione delle attività per il 2009, non rinuncia a lavorare sulle sue soluzioni legate al cuore del networking nei grandi data center.

Gli ultimi sviluppi riguardano le soluzion idi encryption dei dati e la loro integrazione in modo non invasivo con le reti core già esistenti per storage (San) e server. La soluzione, realizzata via hardware per ottenere prestazioni da 96 Gbps permette la crittografia di dati critici, con obiettivo la sicurezza, tramite una gestione centralizzata, con obiettivo la governance It.

L’hardware di codifica trova due sbocchi in una soluzione in formato appliance e in una seconda in formato blade: ecco dunque un Encryption Switch e un Encryption Blade per lo chassis DCX, che opera a livello di backbone nei data center. L’Encryption Switch di Brocade è uno switch a elevate prestazioni con 32 porte auto-sensing FC da 8 Gbps con capacità integrate di crittografia ad alta velocità. La scheda FS8-18 (Encryption Blade) offre gli stessi servizi con il supporto di 16 porte FC. Ma Brocade non dimentica le dimensioni e il fatturato del suo mercato Oem per cui le nuove soluzioni si integrano con i principali prodotti di gestione delle chiavi crittografiche utilizzati nelle imprese.

Sono già supportati Lifetime Key Management di NetApp e Key Manager di RSA. Brocade ha inoltre avviato un’attività di integrazione della propria piattaforma con altre soluzioni di gestione delle chiavi, come il Storageworks Secure Key Manager di HP. Come spiegano i tecnici di Brocade , punto forte della soluzione è la sua capacità di supportare un insieme eterogeneo di soluzioni in rete e di offrire il supporto futuro per le librerie a nastro e le Vtl.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore